venerdì 23 marzo 2007

I'm From Barcelona in Italia!

 I'm From Barcelona - Emmaboda 2006 - photo by Lucio Pellacani
Se nell'ottobre di due anni fa, o anche soltanto la primavera scorsa, mi avessero detto che un giorno avrei visto gli I'm From Barcelona da queste parti, avrei riso e messo un altro disco. E invece ieri pomeriggio ho scoperto che succederà: il 10 maggio al Bronson di Ravenna. Preparate i kazoo e i battimani.

I'm from Barcelona VS. polaroid blog

giovedì 22 marzo 2007

Speciale Motron Festival

 Motron Festival - Modena - programma Questo fine settimana si tiene a Modena la prima edizione del Motron Festival, un evento che per due giornate vedrà riuniti sopra un unico palco alcuni tra i più interessanti artisti della scena indie ed electro internazionale. Per esempio, accanto a veterani del post rock come i tedeschi Tarwater, si esibiranno i finlandesi Cats On Fire. Oppure, il pop alla vaniglia dello svedese Parker Lewis precederà il live dei britannici Isan, con la loro elettronica minimale, o il super ospite Apparat. Il singolare assortimento sarà poi coronato da un eclettico dj set degli scozzesi Belle & Sebastian, da sempre sinonimo di stile. E non mancheranno gli italiani, ben rappresentati da Pillow, My Awesome Mixtape, Orange Lem e The Calorifer Is Very Hot.
L'appuntamento è di quelli da non mancare, e dato che ci troverete anche il sottoscritto, oggi vi porto a conoscere alcuni degli artisti in programma che attendo di più.

 Apparat Apparat è il nome d'arte di Sascha Ring, musicista tedesco, fondatore dell'etichetta Shitkatapult insieme a Marco Haas (aka T. Raumschmiere). Sarebbe un po' riduttivo definire Apparat soltanto un produttore di elettronica: ad esempio, da un po' di tempo ha in piedi il progetto di un'opera rock insieme a Gianna Nannini (davvero!), ma al tempo stesso ha collaborato negli ultimi anni con Ellen Allien e ha spaccato i club di mezzo mondo con della techno di rara qualità, passando di tanto in tanto a donare i suoi remix ad artisti selezionati (tra cui Nathan Fake e i nostri Giardini di Mirò).
La musica dei suoi dischi è stata spesso definita oscura, densa ed evocativa. Questo forse grazie al non raro impasto di strumenti veri, in particolare archi, all'interno di tessiture sintetiche. Ma quando occorre la "legna", Apparat è anche capace di tenere in pugno la pista piena e farla ballare per ore. In una parola, intensità.
>>>(mp3): Komponent
>>>(video): Apparat e Ellen Allien live al Cassero lo scorso febbraio
>>>(video): Intervista + live all'ultimo Calvi On The Rocks


 Cats On Fire I Cats On Fire provengono dalla Finlandia, dove raccontano che la scena musicale sia dominata dal metal e le alternative si concentrino nella sperimentazione elettronica. Non sembra proprio l'ambiente ideale per chi vuole richiamarsi agli Smiths, ai Wedding Present, ai Felt o ai Belle & Sebastian. Forse è anche per questo che i Cats On Fire sembrano mantenere quella perenne aria di distaccato riserbo.
Li vedi nelle foto sorseggiare tè intorno al tavolino, e dal vivo sono esattamente così, con quell'austera rigorosità indiepop che può permettersi solo chi ha mandato a memoria le lezioni della Sarah Records. La questione dello stile, nel piccolo genere musicale frequentato dai Cats On Fire, è sempre stata una faccenda complicata, ma si può davvero che dire che i ragazzi hanno studiato e ora ci presentano un gruppo senza difetti.
In questi giorni esce il loro primo vero album, intitolato The Province Complains e al Motron Festival di Modena lo presenteranno dal vivo, per la prima volta in Italia.
>>>(mp3) White Mantle King (dal prossimo album The Province Complains)
>>>(video) Una concitata ripresa di Higher Grounds dal vivo



 TarwaterI Tarwater sono un duo residente a Berlino, formato dal batterista e cantante Ronald Lippok e dal chitarrista e programmatore Bernd Jestram. Fatto curioso, i due si sono incontrati in una punk band della Germania dell'Est. Non lo diresti, a giudicare dalla musica che hanno prodotto in seguito. I Tarwater sono sulla breccia da una decina d'anni, e nel frattempo Lippok ha anche collaborato con la band post-rock dei To Rococo Rot, nella quale milita il fratello Robert. A differenza di questi ultimi, si può dire che l'approccio dei Tarwater sia più immediato, anche se la loro elettronica eterea disegna spesso ambienti oscuri, statici e freddi.
Accasati oramai da un paio di album presso la raffinata Morr Music, stanno per dare alle stampe il loro nuovo lavoro, intitolato Spider Smile, che prosegue il discorso avviato dall'ultimo The Needle Was Travelling (2005). Un tocco di calore, questa volta, è dato dall'aggiunta di alcuni strumento acustico, come l'armonica o il violino, sopra i tappeti sintetici. Del resto, la parola che ricorre più spesso nelle loro recensioni e nelle interviste è "landscape", proprio a sottolineare la forza evocativa e "spaziale" della loro musica.
>>>(mp3): When Love Was The Law in Los Angeles (dal prossimo album Spider Smile)
>>>(video): Un frammento live a un concerto dello scorso novembre


 Mixtapes & Cellmates Cosa altro potrei dire dei Mixtapes & Cellmates oltre a quanto vado ripetendo da almeno due anni? Forse aggiungere che riuscirono a folgorare anche uno dagli ascolti tutt'altro che facili e casuali come Jukka Reverberi? Mi è capitato di innamorarmi di Mixtapes & Cellmates al primo incontro, e quando finalmente li vidi dal vivo fu una conferma e una meravigliosa sorpresa al tempo stesso, con quel suono acerbo di schianto, in parte "emo" ma seppellito di elettronica sporca. Le parole che ho usato più spesso per cercare di descrivere la loro musica sono state "abrasiva" e "struggente". L'ultimo ep If there is silence, fill it with longing lascia intravedere già i primi passi oltre il muro dei feedback. Non vedo l'ora di sentire l'album d'esordio, uscito ufficialmente ieri in Svezia e tra pochi giorni disponibile anche in Italia (via My Honey).
>>>(mp3) A Quiet Evening
>>>(video) Un frammento dal vivo a Umea


Tender Forever, nome d'arte di Melanie Valera, è una cantautrice francese che ha pubblicato il suo album di debutto sulla storica etichetta di Olympia, quella K Records, patria del Do It Yourself e di un approccio alla musica unico per originalità e consapevolezza. Il suo album d'esordio The Soft And The Hardcore ha mescolato elementi acustici con un'elettronica che verrebbe da definire "calda" e diretta. Non a caso i primi paragoni che si sono fatti per la sua musica sono stati quelli con la sua compagna di etichetta Blow, o con certe cose di Bright Eyes e Patrick Wolf. E questo anche perché l'appassionata voce di Melanie riesce a trasmettere urgenza ed eccitazione, ma al tempo stesso delicatezza. Un disco come "una compiuta e totale dichiarazione d'amore", con quelle canzoni capaci di far salire il caldo alle guance.
La primavera scorsa passò per Bologna ed ebbi la fortuna di averla come ospite dal vivo in radio.
>>>(mp3) Take It Off
>>>(video) The Magic of The Crashing Stars


>>>Bonus tracks:
Biker Boy -- You Got Me Wrong
Bobby Baby -- In Ten Years From Now
Parker Lewis -- Wasting Time

mercoledì 21 marzo 2007

NMEurato

'Murato - When things are hip, I abandon ship'. Installazione di Laura Govoni, fotografia di Lucio Pellacani. Bologna, Murato @ Villa Serena, 17 marzo 007

"Murato - When things are hip, I abandon ship".
Installazione di Laura Govoni, fotografia di Lucio Pellacani.
Bologna, Murato @ Villa Serena, 17 marzo 2007.


Questa settimana a Murato sono di scena quattro gruppi che rappresentano la storia recente e il futuro prossimo della scena indipendente italiana. Si comincia venerdì sera con i Laundrette che presenteranno il nuovissimo A State of Form, in uscita per la Black Candy Records, e i loro compagni di scuderia nella stessa etichetta toscana, quegli You Should Play In A Band eredi dei Roseislandroad.
Sabato invece sarà la volta delle nuove generazioni: i Les Fauves, da Sassuolo, e i veronesi Canadians, accomunati dalle lodi del magazine britannico NME.
Fra l'altro, è notizia di questi giorni che i Canadians hanno firmato per Ghost Records un accordo di pubblicazione in esclusiva per l'Europa dell'atteso album d'esordio A Sky With No Stars.
Tutti i concerti sono a ingresso gratuito.

>>> myspace + mp3
Canadians -- A Long Lethargy
Laundrette -- A State Of Form
Les Fauves -- Our Dildo Can Change Your Life
You Should Play In A Band -- Borders Of Love
Fine Arts Bunnies

Ha finalmente una data di uscita l'atteso album di cover delle Rough Bunnies interamente realizzato da Fine Arts Showcase. L'album uscirà a maggio per la Adrian Recordings e si può già scaricare questa anticipazione:

martedì 20 marzo 2007

Just Like (My) Honey

 VV.AA. - 'Let It Bee' - My Honey Records (2007) Non credo che qualcosa del genere sia mai stato tentato in Italia: una compilation indiepop dal respiro internazionale, che riunisce venti band da tutto il mondo, dal Brasile alla Svezia, passando per gli UK, la Spagna e anche il nostro Belpaese.
Oggi è una realtà, si chiama Let It Bee (si noti il gioco di parole) ed è stata messa al mondo dall'etichetta My Honey Records, la quale ha voluto anche dare un tema alla raccolta: il miele. Perché come forse qualcuno saprà, la piccola label bresciana produce dischi e, appunto, vasetti di miele.
«Una combinazione che in qualunque contesto commerciale risulterebbe folle e improponibile, ma che nel magico universo indie ha la forza e la genialità di esistere. C'è perché qualcuno ha pensato che fosse bello che ci fosse. Se solo il resto del mondo imparasse a ragionare in questi termini, io sono certo che il mondo un po' migliore lo sarebbe» (Matteo B. Bianchi, dalle note di copertina del cd).
Dell'indiepop può anche importare a pochi, e qualcuno sorriderà dei risvolti più twee di certe canzoni qui contenute, ma vi assicuro che la qualità di questa compilation farà la sua figura sui banchetti di merchandising a Stoccolma, o nei negozi di dischi di Glasgow o nelle camerette di Boston.
Come scrive Salvatore nella sua recensione su Indiepop.it, «la cosa più bella è l'identità di stile, ispirazione e passione che questo disco mantiene, l'impossibile omogeneità di una raccolta assemblata tramite internet ed email che restituisce la fotografia più bella della scena alla quale ci dedichiamo ogni giorno». Bisogna davvero riconoscere che le minuscole, invisibili e pazienti api dell'indiepop Made In Italy questa volta sono state molto operose, e noi ne siamo orgogliosi.

Let It Bee farà il suo debutto in società il primo giorno di primavera (non poteva che essere così), ovvero domani 21 marzo, alla Casa139 di Milano, con un doppio concerto dei Le Man Avec Les Lunettes insieme ad Ant.


>>>(mp3) Le Man Avec Les Lunettes - Could I Call You Honey?
>>>(mp3) Mr. 60 - Sad Bees Prefer Flowers
Intervista ai Decemberists

Qualche settimana fa sono passati per l'Italia The Decemberists, in una data unica all'Estragon di Bologna. Il nostro Jonathan Clancy ne ha approfittato per realizzare un'intervista con la tastierista Jenny Conlee, e potete ascoltarla qui.
Il relativo mp3 a tema domande e risposte non poteva che essere una cover di Ask degli Smiths, tutti sussurri e fisarmonica, registrata a un concerto tenuto a Toronto nel lontano 2004.

>>> The Decemberists - Ask (live)

lunedì 19 marzo 2007

My awesome (live) mixtape

È stato un fine settimana frenetico e memorabile. Non credo esisteranno molte altre band di cui avrò la fortuna di vedere i concerti numero uno, tre e cinque, e che in mezzo troveranno anche il tempo di mettere in piedi un inusuale set acustico per le mie finte "polaroid blog sessions" alla radio (qui trovate la puntata intera), con tanto di inediti.
Gli infaticabili My Awesome Mixtape si confermano una delle cose più entusiasmanti uscite di recente da Bologna in Italia, e il caldissimo live di sabato a Murato lo ha dimostrato ancora una volta.
Un ringraziamento a Giuseppe della Kirsten's Postcard che mi ha fatto compagnia in trasmissione, a Lucio per le fotografie e la registrazione a Villa Serena, e a Giovanni che ha reso possibile il tutto.

 My Awesome Mixtape live a polaroid  My Awesome Mixtape live a polaroid


mp3:
The Giant Squid
Diderot
Suddenly April Left Us Without A Kiss
Love On Cabin Class

Due piccoli frammenti video: parte 1 - parte 2


 My Awesome Mixtape live at Murato 2007/03/17  My Awesome Mixtape live at Murato 2007/03/17
 My Awesome Mixtape live at Murato 2007/03/17  My Awesome Mixtape live at Murato 2007/03/17

mp3:
Sarah Taylor
The Painter And The Anthropologist

giovedì 15 marzo 2007

Polaroids From The Web
Love of diagrams on repeat

- Se non siete fortunati come MarinaP, e del SXSW di Austin vi accontentate di quello che si legge (peraltro ovunque, ogni minuto) in rete, segnalo anche il diario del festival che Luca De Gennaro aggiorna sul suo myspace.

- I blogger come le cavallette: "Today, the fest is fully digitized" ma anche "is the party over?"

- Qui si puà ascoltare in streaming tutto l'album dei Good Shoes, vera bombetta di primavera.

- "Strategia di immagine" dev'essere un'espressione sconosciuta agli Shins: dopo i problemi di costipazione da tour, ora eccoli farsi vedere in giro sul Segway.

- Sound Of Silver, il nuovo album di LCD Soundsystem ancora non è appena uscito ufficialmente, e già circola un album di remix tutto da scaricare.

- I Pecksniff finiscono in un video di Luca Carboni! (Il video è questo: il riferimento ai "clacson" sarà casuale?)

- Lullatone - Bedroom Bossa Band (mp3 / video), tratta dall'album Lullatone Plays Pajama Pop Pour Vous. Un nome e un titolo che non hanno bisogno di altre spiegazioni.
My Teenage Stride

  My Teenage Stride  Una delle ragioni per cui sembra difficile parlare di indiepop in Italia è che non si riesce a trovare una traduzione decente per "jangling guitars". E la musica che preferisco trabocca di "jangling guitars".
Prendi le canzoni dei My Teenage Stride, per esempio, tutte fatte di "sparkling melodies and harmonies": al loro jingle-jangle mi lasciano appeso. La prima volta che ho sentito To Live and Die in the Airport Lounge ci siamo riconosciuti e sorrisi. Scintillio di chitarre, basso in evidenza e ritmo incalzante.
I My Teenage Stride sono una band di Brooklyn che a molti sembrerà soltanto un piccolo gruppo derivativo di sonorità pop Anni Ottanta, ma restano una band capace di scrivere canzoni dannatamente belle. La via è quella indicata da Orange Juice, Go-Betweens, REM e Smiths, d'accordo, ma quanti sono capaci di seguirla davvero bene e di farti davvero muovere?
I My Teenage Stride provengono da Brooklyn e sono un progetto di Jedediah Smith, attorno al quale dal 2003 ruotano diversi musicisti. Da poco è uscito il loro terzo album, intitolato Ears Like Golden Bats, che sa di bianco e nero, cassette miste e fotocopie di fanzine dimenticate.

>>(mp3) To Live and Die in the Airport Lounge
>>(mp3) Ears Like Golden Bats
>>(mp3) Terror Bends
>>(video) They Are Alone in Their Principles
>>(video) To Live and Die in the Airport Lounge live at Popfest! New England, on Friday, October 6, 2006

mercoledì 14 marzo 2007

Tech Stuff

Avete presente quando, parlando di dischi e gruppi, tutti prima o poi usiamo un po' a caso espressioni tipo "suoni analogici", "vintage synth" eccetera?
La maggior parte delle volte non sappiamo cosa stiamo dicendo.
Ora potete fare finta di averlo sempre saputo, guardando qualche puntata di Tech Stuff.


Il resto del bel documetario di Qoob si può vedere qui.

>>>(mp3) LFO - LFO
Tech stuff wannabe

A proposito di roba tecnica: come già si diceva nei commenti qui sotto, da questa settimana il podcast di polaroid viene trasmesso anche dalle frequenze di Vitaminic. Tra un po' passerò sul digitale terrestre.
Nel frattempo, ho aggiunto un account Feedburner al parco feed di questo blog. Speriamo che qualcuno funzioni.

polaroid blog feed
(thanks to Inkiostro)

martedì 13 marzo 2007

My Awesome Spring Mixtape



...but when you find yourself in the middle of the storm
never throw all away into the sea...

My Awesome Mixtape - The Giant Squid

Intanto fervono i preparativi per l'insolito live unplugged che la sera del 16 marzo i My Awesome Mixtape ci regaleranno all'interno di polaroid alla radio. Prevista anche la presenza di una fisarmonica, oltre a quella di una viola e della chitarra acustica prestata da Emilio dei Settlefish. Niente male per un gruppo abituato a comporre tra sequencer e drum machine. Il concerto vero e proprio ci sarà la sera dopo, sabato 17 marzo a Murato, con i Fitness Pump in apertura, e il sottoscritto a mettere un po' di dischi a seguire. Ci si vede a banco!
Young Folks (getting old)

Magari a qualcuno può servire questo remix di Young Folks di quasi trenta minuti.
(trovato su Fluo Kids)

lunedì 12 marzo 2007

Myths of the near future
Intervista ai Klaxons

Mentre in rete circolano i pareri più diversi a proposito dei recenti concerti italiani dei Klaxons (il più interessante mi pare quello di Nin-Com-Pop), segnalo questa bella intervista condotta dal nostro Jonathan Clancy al chitarrista della band Simon Taylor, che tira in ballo inaspettate citazioni di William Burroughs, Thomas Pynchon e Phil Spector.

>>>(video) Golden Skans live @ Rolling Stone di Milano
>>>(video) Un botto di filmati dall'Estragon di Bologna, durante e dopo il concerto
Tonight I Have To Leave It


Gli Shout Out Louds sono di nuovo in pista, nonostante le recenti disavventure con la Capitol Records. Il nuovo album Our Ill Wills, prodotto da Björn Yttling di Peter Björn & John, uscirà il prossimo 25 aprile.
Il primo singolo, Tonight I Have To Leave It si può già ascoltare in streaming sul loro myspace.
Inoltre, gli Shout Out Louds tornano finalmente in tour con una manciata di nuove date, per ora solo in Svezia, ma già con alcune anticipazioni di festival estivi.

>>>(mp3) Shout Out Louds - Never Ever (dalla prima edizione di Howl Howl Gaff Gaff, 2003)

sabato 10 marzo 2007

Gig Announcement

To all the people attending, a differenza di quanto comunicato in precedenza, il concerto di Frida Hyvönen al Teatro Rasi di Ravenna non è mercoledì 18 aprile, ma lunedì 16. Tutte le info, come al solito, chez Bronson.

  Frida Hyvönen  (photo by Chromewaves)

giovedì 8 marzo 2007

My Awesome Mixtape are awesome

  My Awesome Mixtape   «As I told you boy that was the sign of getting up!»
Come avevamo annunciato qualche settimana fa (sembrano passati dieci anni), finalmente è arrivata la prima uscita ufficiale per i My Awesome Mixtape. Da ieri l'ep Songs of Sadsness - Songs of Happiness è disponibile sul sito della Kirsten's Postcard e, come tutte le sue release, è in free download.
È proprio una felice coincidenza che l'esordio dei My Awesome Mixtape avvenga per una net-label, un po' per via dell'immaginario "geek" a cui in parte la band si rifà, un po' perché il febbrile passaparola intorno alla band bolognese è nato tutto intorno a una frequentatissima pagina di myspace e a un indirizzo Gmail quanto mai operoso.
Credo però che questa sia soltanto una delle due facce della medaglia. Non è solo, come ha scritto Jukka, "l'oggi che obbliga i gruppi a muoversi in questo modo". Credo anche che la musica dei My Awesome Mixtape si adatti alla perfezione a questa modalità, con la sua forma elettronica ma emozionale, e batta precisa il tempo che l'ha generata.

Quando a gennaio mi capitò di intervistare Paolo al telefono, disse qualcosa a proposito dello scrivere canzoni da nerd guardando fuori dalla sua finestra. E poi ho scoperto che era già in contatto con alcuni dei miei gruppi preferiti in Svezia... "Bedrooms Without Frontiers" è scritto in alto a destra sul sito della Kirtsen's Postcard, e mi pare un bel modo pratico per riassumere la faccenda con un sorriso e restare con i piedi per terra.
Piccola curiosità del contemporaneo: la band e i ragazzi dell'etichetta di Bra non si sono ancora mai incontrati di persona. Ecco come vanno le cose oggi. Ma succederà presto: la sera del 16 marzo, quando i My Awesome Mixtape saranno ospiti dal vivo a polaroid alla radio, alla vigilia del loro concerto del 17 a Murato (in compagnia di Fitness Pump!).

Le quattro canzoni di questo Songs of Sadsness - Songs of Happiness ep confermano la formula magica "(Nerds + DanceFloor) - Love", ovvero quanto la band dichiara delle proprie influenze, e quanto già illustrato anche da Inkiostro: Anticon, K Records (in particolare, il lato più elettronico), Supersystem e Postal Service, sono i numi tutelari dei My Awesome Mixtape. A mio parere, davvero niente male per una band di appena ventenni italiani. Mi piace però sottolineare anche la loro passione per gruppi come Architecture In Helsinki (vedi Diderot) e Suburban Kids With Biblical Names (The Giant Squid). Ed è proprio questo approccio più pop, per la primavera che ci viene incontro, che mi regala questo sorriso quando ascolto My Awesome Mixtape. Scaricateveli!

>>(mp3) My Awesome Mixtape - The Giant Squid

mercoledì 7 marzo 2007

Arrivederci Simone

 Au Revoir Simone
Piccolo post malinconico dedicato a tre fatine newyorkesi che non incontrerò questa sera. Infatti, arrivano per la prima volta in Italia, oggi e soltanto per oggi, le Au Revoir Simone, in concerto al Transilvania di Milano, ad aprire per Nouvelle Vague.
Le tre sirene hanno da poche settimane pubblicato il loro secondo disco, The Bird of Music, e come già accadde per il loro esordio di un anno e mezzo fa, io ne sono conquistato.
Mi è difficile resistere a queste eleganti fanciulle che sembrano uscite da qualche Giardino Delle Vergini Suicide. Non a caso, per il loro stile Robert Normand le ha volute a suonare dal vivo alla propria recente sfilata di Parigi.
La loro musica elementare (Air meets Sambassadeur meets Figurine?) questa volta si lascia andare di più e riescono anche a sorridere spensierate. Merito forse dei We Are Scientists, con cui hanno diviso un recente tour, delle canzoni cantate assieme (comprese cover dei Boyz II Men), e delle feste sul tourbus? Forse sì, del resto Stars, una delle tracce migliori dell'album, è dedicata a loro.
Salutatemele

>>>(mp3) Au Revoir Simone - The Lucky One
>>>(mp3) Au Revoir Simone - Fallen Snow (The Teenagers Remix)

lunedì 5 marzo 2007

(Still) Young Folks

Mentre il video diretto l'anno scorso da Ted degli Shout Out Louds per Peter Bjorn & John è stato visto su YouTube più di un milione di volte, io mi sono imbattuto in questa cover dell'anthem Young Folks realizzata dal musicista giapponese Shugo Tokumaru (altre info su Wikipedia), realizzata qualche mese fa per il podcast di Cokemachineglow.
La versione di Tokumaru è fedele, al pari di ogni buona imitazione orientale, ma c'è uno sfasamento impercettibile, come se fosse cantata nel dormiveglia, che la rende affascinante.

>> Shugo Tokumaru - Young Folks (Peter Bjorn and John Cover)


Bonus tracks:
>> Peter Bjorn & John - Me & Julio Down By The Schoolyard
>> Peter Bjorn and John V.S The Cure - Young Cats
Hats Off To The Pomini

Sono in debito di un giro a banco con Andrea Pomini per la citazione, sull'ultimo Rumore, di questo blog tra le fonti di un articolo dedicato ai lanciatissmi The View, di cui avevo parlato lo scorso settembre. A mia volta, i credits vanno a Max del Covo, tra i primi a far girare il nome dei The View da queste parti.
In allegato, due versioni live & unplugged dei loro ultimi due singoli.

>> Superstar Tradesman (live on Radio1 - 2007-01-18)
>> Same Jeans (Virgin Session - 25th Jan 2007)

A proposito, l'occasione più vicina per incontrare in zona l'ex cantante e bassista dei Disco Drive sarà venerdì 30 marzo, da Zuni, per la presentazione di Una Storia a Fumetti, il bel libro di Alessandro Baronciani.

sabato 3 marzo 2007

Domenica ubiqua

Fingiamo per un attimo di tornare ancora ubiqui come una volta, e prepariamoci a una domenica davvero frenetica.

All'Atlantide Occupato di Porta S.Stefano qui a Bologna, a partire dalle 17.30, saranno in concerto Fluid To Gas (post-hc dalla Germania), ma soprattutto ad aprire per loro ci saranno i nostri Isobel (l'anno scorso ne parlai qui) e Bob Corn, che fa sempre piacere rivedere.

Da Zuni a Ferrara, all'ora dell'aperitivo, verso le 19.30 si conclude il tour italiano dei Mutt Ramon (un po' di info qui), scesi dalla loro Manchester a festeggiare l'uscita dell'ep Lasten Musiikki, ovviamente per My Honey Records.

Sempre a Ferrara, ma un po' più tardi, domani sera è in concerto un'accoppiata davvero notevole: Juxtbrunch + Fake P, che daranno vita a un non meglio identificato Fake Brunch Ensemble. Dal Veneto con furore, al Circolo Arci Bolognesi, a partire dalle dieci e mezza.

E adesso tutti di corsa a vedere gli Ex-Otago!

>>> mp3:
Fluid To Gas - Settle Down
Isobel - By-End
Bob Corn - Eyes Without Lies II
Mutt Ramon - Silver Moon Boots
Juxtabrunch - Other Way Round
Fake P - Qwerty

venerdì 2 marzo 2007

Muratunas

 The Tunas Questa sera la rassegna Murato (organizzata da Unhip Records e Città del Capo Radio Metropolitana) ha in programma un'accoppiata da cambiarvi i connotati: G.I.Joe e The Tunas, decisamente due band da non ascolare se non si ha intenzione di farsi una bella sudata.

I primi sono il duo basso-batteria proveniente da Treviso che nel 2004 fa aveva dato alle stampe l'ottimo ep Clito's Angels per la nostra cara Fooltribe. Nel frattempo ha pubblicato svariati 10 pollici, cd-r e persino cassette, ma soprattutto ha girato i palchi di mezza Europa con la sua detonante miscela di math-noise-post-punk in salsa nera e funk.

Dei Tunas non so più cosa dirvi per farvi entrare in testa il loro nome. Osannati da Scaruffi, rispettati dagli Abba, il loro debut album Tunas... Au Go-Go è finito nella TopTen del 2006 di Massimo Giovinazzo.
Personalmente mi hanno regalato serate memorabili (per quel poco che ricordo) e credo continueranno a farlo.
Quand'è che qualcuno si deciderà a disegnare quel famoso fumetto su di loro? Potrei anche lanciare un concorso a premi. Fatevi sotto, se non siete degli spudorati indie kids.

>>>(mp3) The Tunas - Indie Kids

giovedì 1 marzo 2007

Hissing Fauna, Are You In Romagna?

Segnatevi questa data: il prossimo 17 maggio gli Of Montreal saranno in concerto al Bronson di Ravenna.
Se volete sapere a cosa andate incontro, qui trovate la registrazione di un live dello scorso 18 febbraio a Dallas, mentre qui c'è l'ultimo album in streaming.

>>>(video) "Two little kids in the back of a car singing Grondlanic Edit"
>>>(video) Ian And Kathleen dancing to Heimdalsgate Like a Promethean Curse
>>> Heimdalsgate Like A Promethean Curse (video + mp3)