mercoledì 4 settembre 2019

As simple as that

The Umbrella Puzzles

A blissful feeling, a sunkissed smile
I can’t find it, I’ve traveled miles


Ti accorgi che il giorno già si accorcia, e questo tramonto da cui si intravede la fine dell'estate chiede soltanto una canzone dei Lucksmiths per inondare la strada verso casa con la sua anacronistica malinconia. E poi parte As Simple As That, a firma The Umbrella Puzzles, con quelle chitarre scintillanti e una melodia che si posa lieve, quasi come questi ultimi raggi dorati tra le case, e la canzone regge alla perfezione la parte di colonna sonora di questo imbrunire.
The Umbrella Puzzles è l'ennesimo nome d'arte di Ryan Marquez, da Richmond, California, già incontrato negli Apple Orchard e negli Haircuts, entrambi usciti anche per la nostra Best Kept Secret, e più di recente nei Golden Teardrops. Ora pubblica questo nuovo amabile EP sotto la nuova denominazione, e suona tutto da solo.
L'apertura di Dusty Pages è un brillante omaggio ai Teenage Fanclub, mentre Somersault ciondola come certi Galaxie 500. Altre canzoni, come detto, mi fanno tornare in mente tantissimo le atmosfere del trio di Melbourne, e per questo non posso non amarle: vedi l'elenco di From A Camera, con le immancabili annotazioni meteorologiche, o la ballata in chiusura Footprints In Sand ("The breeze starts to calm / There’s no light, no sparks in the stars"). E anche se, in fondo, dentro questo tramonto svanisce un altro po' d'estate, assieme a questo disco i colori diventano meno amari.

The band plays,
They strike a chord all at once
All the feelings flow



Nessun commento: