sabato 18 maggio 2019

I gaze out the window, there is still poetry there

Kiwi jr - Football Money

This is the city where I live
These are the friends that I have made


La prima cosa, inutile nasconderlo, è senza dubbio la voce di Jeremy Gaudet: quasi quella di un giovane e acerbo Stephen Malkmus, ogni tanto beffarda ma anche capace di totale trasporto nei momenti più imprevedibili. Ti sorprende. La seconda cosa, però, è il piacere ancora maggiore di trovare quella voce sopra canzoni che con i Pavement hanno poco in comune, se non forse alcuni passaggi impetuosi, oppure un paio di occasionali strofe dove i riferimenti si fanno così intricati da sembrare quasi deragliare verso il nonsense.
Per il resto, Football Money, l'entusiasmante esordio dei Kiwi jr, è una concisa ma efficace raccolta di canzoni power pop dal tiro irresistibile, che prende una sua strada abbastanza lontana da Stockton. I Kiwi jr sono un quartetto che fa base a Toronto, anche se i suoi componenti provengono tutti da Charlottetown, dove Gaudet era stato il frontman dei notevoli Boxer The Horse, quasi un decennio fa. Con questa nuova formazione (che vede al suo interno anche Brian Murphy, bassista degli Alvvays) hanno messo a punto un suono perfettamente equilibrato, tra chitarre squillanti e garage scanzonato, con canzoni piene di versi e ritornelli pronti a diventare inni al primo ascolto (anche se sul vinile campeggia il motto "Don't bore us, no chorus!").
Le canzoni dei Kiwi jr raccontano storie quotidiane di vita urbana, spesso leggermente sfasata: “It’s very much a Toronto record. Even though we’re East Coasters, there’s no nostalgia or romanticizing small towns. This album is about the neighbourhoods we live in and our lives here” - spiega la press release della loro etichetta Mint Records. Un quartiere e una città in cui tutto costa sempre troppo (Nothing Changes), popolati di "handsome dads" ma anche di nevrosi (Football Money), impiegati frustrati e dissociati a causa della vita da ufficio (Salaryman), e in cui le cose possono prendere una brutta piega quasi senza nessun motivo (Leslie).
Nonostante questo album sia "less about trying to express ourselves — it’s more interpreting the outside world", mi piacciono molto certi lampi in cui la realtà dei Kiwi jr sembra dissolversi verso il sogno (Swimming Pool, in cui appare il fantasma di Brian Jones, oppure la grandiosa Comeback Baby). Hai già un'intuizione di cosa potrà fare in futuro questa band. "And we never seem nortmal again".



Nessun commento: