mercoledì 31 gennaio 2007

Fitness Pump

 Fitness Pump 'Riviera' Quando si diventa grandi capita di smettere di divertirsi.
Si continua a ridere, stare in compagnia, baciare, bere, correre, a volte provare emozioni forti e belle soddisfazioni. Ma il semplice divertirsi diventa un tipo di abbandono che non ricordiamo più tanto bene. Un termine di paragone sempre più sbiadito e lontano nel tempo.

"E a un certo punto è sempre agosto", cantano i Fitness Pump, che di quella fugace sensazione sembrano avere fatto tesoro e poetica, forse perché provengono da una terra di divertimenti a ogni costo come Rimini.
Ma quello che si sente dentro è quello che si vede fuori. La città finisce per essere presente quasi in ogni verso, ossessiva: "Rimini che non gli frega niente della gente dentro ai bar il ventinove di agosto che piove sempre". Salvo poi accorgersi che "il panorama non dà risposte, mai".

Se il riferimento musicale più immediato ed evidente è forse quello degli Amari, a tratti i Fitness Pump sembrano capaci di aprire ferite più profonde, come una sorta di impossibile via di mezzo tra i Massimo Volume e i Boards of Canada.
Enigmatici e naif al tempo stesso, non così facili come vogliono farci credere, ma dannatamente affascinanti.

ps: Di loro aveva parlato forse ormai un anno fa Enver, ma io come al solito sono un po' lento. È stato solo quando Michele della Trovarobato (che ringrazio) è tornato dall'ultimo MEI con questa ristampa del terzo (!) lavoro della band riminese, ripubblicato dalla geniale Tafuzzy Records insieme alla Cane Andaluso, che io mi sono definitivamente innamorato dei Fitness Pump.

>>> (mp3) Rimini
>>> (mp3) Pum Pim Pam

13 commenti:

a. ha detto...

so bravi

MarMar ha detto...

Madonna i Fitness... una delle piu' grandi figure di merda della mia vita...

CornflakesBoy ha detto...

Io ho avuto la fortuna di avere qiuesto disco tra le mani i primi giorni di Settembre, il periodo perfetto per farlo tuo! Ecco cosa scrissi nel mio blog del 13 Settembre:

Cosa di dire di questo disco? Avete presente la canzone dei Baustelle “I provinciali”? Ecco nel ritornello quella canzone recita: “Morire la domenica / Chiesa cattolica / Estetica anestetica / Provincia cronica.”. Ecco se togliete la parola “Chiesa”, avete la descrizione del mood del disco: morire di provincia, tipo a cattolica (Rimini, insomma giù di lì)”.
Melodie indie pop moderne (sulla scia degli Amari) e testi delicati e semplici. Di fondo c’è sempre la malinconia, il disincanto, la disillusione che si sono incancreniti.
La canzone “RIMINI” può essere considerata “il mare d’inverno” degli anni 2000, “Il mare d'inverno è un concetto che il pensiero non considera. E' poco moderno, è qualcosa che nessuno mai desidera”; nell’estetica più moderna e più diretta dei Fitness Pump diventa: “A Rimini non gliene frega niente delle gente dentro ai bar il 29 agosto, che piove. Sempre.”
Disco perfetto da ascoltare i primi di Settembre, disco perfetto per somatizzare una forte delusione per un amore estivo. Il nome della band ricorda quello dell’attrezzo per sviluppare gli addominali. Hanno ragione. La tristezza e la rabbia inespressa si somatizzano nello stomaco e la pancia diventa una fortezza che raccoglie tutta la nostra energia negativa. Pensate a quel malessere che si traduce in mal di stomaco quando si hanno forti preoccupazioni ?

Anonimo ha detto...

mh, ascolteró nel tragitto verso casa, incuriosito piú dal testo che dalla musica.
domanda, semplice domanda senza nessun tono polemico:
perchè gli amari (che ammetto di conoscere di sfuggita) rappresentano un riferimento? non sono un po' giovani per essere "riferimento"? rappresentano davvero una novitá "sonora" tale da essere un riferimento?
ciao.
leb.

Enver ha detto...

eh eh fosti il primo cui parlai di loro... uscito dal Mi Ami non ero in grado di ascoltare altro, così adriatico ed antiestivo (e io ne so qualcosa)... mi pareva che l'unione di Amari e Riccardo Sinigallia potesse dirti qualcosa, e fare di Pum Pim Pam un singolone (stesse cose che dissi ai Riotmakers poi). Bene che ti piacciano :)

violetta ha detto...

bravi :)

malvietta ha detto...

sentiti per la prima volta dal vivo al MEI lo scorso novembre, dopo averli studiati da stereo..poi seguiti qua e là fra rimini e dintorni.
ehssì, ormai sono una fan, non ci si può far nulla.

ebi ha detto...

A: e allora fagli fare un video e spignili lì a videomusic!

Conrflakeboy: sì settembre è micidiale. Certi ritmi pensosi dei Fitness Pump ci si adattano alla perfezione.

Leb: beh, gli Amari sono in giro da un po' di anni oramai, e il loro "Gamera" fu a suo modo una piccola rivoluzione (non mi metto ora a spulciare negli archivi del blog del 2003 ma ho dei bei ricordi...). Non ho usato la parola riferimenti come se gli Amari fossero dei monumenti. Cioè: ascolti i Fitness Pump, ci sta che puoi pensare agli Amari. A dire il vero non so nemmeno poi se i Fitness Pump li conoscono, gli Amari.

Enver: mi manca(va) l'addendo Sinigallia, ma alla fine, con i miei soliti tempi, sono pervenuto comunque al risultato :-) Proprio bravi i ragazzi. Se tutto va come deve andare li vedremo a Murato prima della fine della stagione.

Violetta: yo! :-)

Malvietta: invidia!

femore ha detto...

mitici Fitness Pump...ho conosciuto Ale (cantante) un paio d'anni fa, già facevano del buon pop "bastardo" e il Tafuzzy day, e parlando di Amari e Riotmaker forse ne avevano solo sentito parlare, almeno allora...ciò non toglie che gli Amari oggi in italia sono un riferimento, che bisogna avere quarant'anni per essere "un riferimento"? pazzesco :)

Anonimo ha detto...

ma quand'è che diventi grande? se ti senti così a diciamo venti anni sei già grande?

Enver ha detto...

ah ah ah ah Videomusic! ah ah ah ah oddio la pancia!

sabotage! alla radio ha detto...

Ecco mo li conosciamo pure noi...Tx!

badlydrawntomino ha detto...

anch'io li ho conosciuti al MEI, e ne sono rimasto piacevolmente colpito. rimini è davvero una gemma.