martedì 9 ottobre 2018

I was looking for a way outside

Massage - Oh Boy

All'inizio dell'estate avevamo sentito un paio di ottimi singoli dei Massage e, vuoi per quelle evidentri influenze Go-Betweens, vuoi perché alla voce c'è anche Alex Naidus, che conoscevamo già dalla prima formazione dei Pains Of Being Pure At Heart, era impossibile non trovarli subito adorabili. Le aspettative erano abbastanza alte per l'album d'esordio (registrato da Jason Quever dei Papercuts "on random weekends over the course of two years") ma bisogna riconoscere che il risultato finale di questo Oh Boy è stato decisamente sorprendente. Per riassumere in una parola, si percepisce una tale spontaneità in queste melodie, una tale naturalezza nella scrittura, che già alle prime note sembra di avere sempre avuto questo disco da qualche parte nel cuore. Indiepop allo stato puro, tra rimandi Flying Nun (vedi la title track oppure I'm Trying, degne di Bats o Clean), e momenti più irrequeiti e frenetici, tra Feelies e R.E.M.
La maniera assolutamente felice in cui si intrecciano e si alternano le voci del chitarrista Andrew Romano, della tastierista Gabrielle Ferrer e del citato Naidus, fa sembrare questo album molto più ricco di quanto già sia, e al tempo stesso lo rende veloce e scorrevole quanto un EP. Si respira una tale aria allegra e fresca tra queste note che quando si spegne la conclusiva ninna-nanna di At Your Door ti chiedi proprio "ma come: è già finito?". Sono sinceramente ammirato da come Oh Boy, un album che "da fuori" non sembra avere altre pretese se non quella di regalarti una buona mezz'oretta di indiepop, riesca a installarsi nei tuoi ascolti, a diventare uno di quei dischi che fai partire quasi sovrappensiero, perché hai bisogno di quella leggerezza che sanno regalarti senza alcuno sforzo.



Nessun commento: