mercoledì 10 maggio 2017

A message from the aching sky

Cindy Lee - Malenkost

C'è un momento, durante il primo ascolto di Malenkost, l'album di Cindy Lee appena ristampato da Maple Death, in cui hai l'impressione di essere entrato nel disco "dalla parte sbagliata". Ti chiedi se c'è qualcosa che non va. La puntina sta girando alla velocità giusta, il vinile procede come sempre dal cerchio più esterno a quello interno, e le casse funzionano a dovere: eppure, è come se avessi attraversato lo specchio di Alice. La musica è tutta sottosopra, e non sembra essere questione di bassa fedeltà. Si procede da momenti di noise cupo e claustrofobico a spettrali ballate che fanno pensare come sarebbe Twin Peaks con la colonna sonora di Deerhunter, da enigmatiche tracce fatte di ossessive reiterazioni a un dolente rock'n'roll da Velvet Underground dell'oltretomba.
Un po' come succede nel suo sconcertante programma radiofonico (prendetevi un'oretta per lasciarvi portare alla deriva), Cindy Lee sembra avere un'idea della musica come un'esperienza che non deve mai essere troppo rassicurante. Il comunicato che presenta il disco cita gli Swell Maps, e davvero qui siamo a quegli stessi livelli di capacità di maneggiare un suono che si presenta in apparenza lacerato e senza forma, ma che riesce a comunicare tutta la sua sofferenza, il suo bisogno di riscatto e, in certi inattesi e sorprendenti passaggi, un abbandono puro e sfrenato.
Cindy Lee è la creatura di Patrick Flegel, già voce e chitarra dei Women, band canadese che abbiamo avuto la fortuna di vedere anche dalle nostre parti qualche anno fa, e per la quale è davvero il caso di spendere il logoro aggettivo "seminale". Dopo la tragica scomparsa di Chris Reimer, parte della band ha dato vita ai post-punk Viet-Cong e ai Preoccupations, mentre Flegel si è dedicato a progetti ancora più sperimentali, come Androgynous Mind e Fels-Naptha, e come Cindy Lee ha già inciso tre album.
Questa sera Cindy Lee arriva in concerto a Bologna, all'AtelierSì in Via San Vitale 69 (in apertura Blak Sagaan). Ci si vede a banco!


Cindy Lee - A Message From The Aching Sky



Nessun commento: