venerdì 11 dicembre 2015

Polaroids From the Web

"We fall in love but we keep falling down" edition


Charlie Hilton


- Miglior titolo passato tra i miei feed questa settimana: "A Complete Guide to Music Snobbery in Noah Baumbach Movies" (e anche il pezzo è carino).

- " The best music books of 2015" secondo il Guardian (chissà quando riuscirò a guardarne anche solo un paio).

- "Top 10 Worst Songs of 2015" per il Time, e posso dire di averle evitate tutte.

- A match made in heaven #1: Charlie Hilton dei Blouse debutterà con un album solista intitolato Palana a gennaio su Captured Tracks. Il singolo che lo anticipa, 100 Million, vede la collaborazione di Mac DeMarco. La canzone è prodotta da Jarvis Taveniere dei Woods, mentre al resto del disco ha lavorato Jacob Portrait degli Unknown Mortal Orchestra:




- A match made in heaven #2: i Pains Of Being Pure At Heart hanno fatto un remix (molto luccicoso e Anni Ottanta) per gli A Sunny Day In Glasgow (la cui cantante Jen Goma, a sua volta, aveva già collaborato all'album dei Pains, Days Of Abandon):




- «Anyone who says “[X] is the future of the music business” is guaranteed to be wrong»: niente che non ci siamo già raccontati una dozzina di volta negli ultimi anni, ma "When Are People Going To Stop Proclaiming The Death of the CD?" una lettura "riassuntiva" la merita.

- I Belle and Sebastian hanno postato su facebook la ricetta del cocktail "If You're Feeling Sinister": ecco risolto il problema di cosa bere durante le prossime feste.

- Lo sapete che ogni tanto devo postare qualche nuovo articolo sulla Sarah Records: su London In Stereo c'è una nuova intervistona (stavolta davvero molto esaustiva) a Clare Wadd.

- «Pop has always been about more than “just the music” and it seems improperly grandstanding to now forge broad laments on how musical consumption came to be used as a proxy for morals and social politics, but there does seem to be a cynical side to the current declaratory, identity-confirming state of poptimism»: interessante riflessione su Pop, scrittura musicale e problematiche di genere su One Week One Band.

Nessun commento: