lunedì 5 maggio 2014

And though I'm happier now, I always long somehow back to 1995

Radio Dept. - Lesser Matters

Vorrei raccontarti che dieci quindici anni fa ero più naïf e inesperto, che oggi sono tutta un'altra pasta d'uomo, migliore, più maturo, con le idee chiare. Invece la verità è che l'altra sera ho ritrovato un post che avevo scritto nel 2003, e tu guarda, lo avevo anche intitolato "Promemoria", e alla fine ho pensato che la voce era sempre la stessa che uso in questo momento, le incertezze, i ripieghi, tutti quegli slanci senza eleganza solo per cercare di far ascoltare una canzone a qualcuno, ma per cosa poi. Against the tide. Questo primo maggio 2014 facevano dieci anni da quel primo concerto dei Radio Dept. in Italia, al Covo di Bologna. Nei mesi scorsi, per due secondi avevo considerato l'idea di celebrare la ricorrenza: magari contattarli, sentire come stanno adesso, se e quando arriverà un nuovo disco, intervista di rito, giro di post commemorativi, tirare in mezzo la vecchia guardia, magari si rimediava anche un po' di musica inedita o addirittura un "evento". In fondo, non hanno praticamente un sito, non sono attivi sui social network, hanno sempre dato l'idea di essere qualcosa di fragilissimo, parlare di loro poteva essere anche interessante. Poi ci ho ripensato, mi sono detto che qui "celebrare" finiva per rappresentare un atteggiamento, tutto un modo di vivere la musica che in un attimo diventava antipatico a me, figuriamoci a chi avrebbe dovuto leggere oggi. Vuoi metterti a parlare di blog nel 2014? O magari di indie / DIY / battute sulle spillette / la Scena / la Svezia / il passaparola senza brand? Così alla fine non ho fatto nulla che si vedesse, non ho "celebrato". Appena c'è stata un po' di calma ho rimesso nello stereo Lesser Matters e oggi, visto che non vi siete ricordati dell'anniversario, vi beccate il post noioso. È ancora un disco formidabile, e questa è ancora la cosa più importante. Ma tipo uno dei miei dischi della vita, se questa espressione ha ancora un senso. E provo meraviglia come il primo giorno che ascoltai Where Damage Isn't Already Done, non ho dimenticato quel momento. E nemmeno il pomeriggio di corsa in macchina per la città con i cd masterizzati dell'album che mi era appena arrivato, e tutte quelle mail in inglese approssimativo, I Don't Need Love I've Got My Band, fino alla luce del mattino dopo. Potrei scherzare su quanto dovevamo sembrare naïf e inesperti allora, oppure potrei soltanto dire che eravamo già così, che io sono ancora così. Non è una presa di posizione, non c'è coraggio né nostalgia, solo un prodigio di musica bellissima che ti ricorda chi sei. Strange things will happen if you let them.

(mp3) The Radio Dept. - Where Damage Isn't Already Done

2 commenti:

polly986 ha detto...

"...solo per cercare di far ascoltare una canzone a qualcuno..." E ci riesci ogni volta . Grazie!

Angelica S. ha detto...

veramente un bel post. una dichiarazione d'amore alla musica, autentica, sentita e trasparente.
la canzone è bellissima, non l'avevo mai sentita. adesso ascolterò tutto l'album.