martedì 19 gennaio 2010

Don't die wondering

Don't Die Wondering
Comprare un disco dopo aver ascoltato soltanto una canzone. Comprare una compilation proprio perché non si conosce la maggior parte dei nomi in scaletta. Nel 2010 gli ultimi scampoli di fuga, nella satura nicchia di quello che una volta era l'indie, sono anche questi.
In realtà, la Don't Die Wondering Compilation Volume 1 non arriva proprio fuori dal nulla. Chi segue l'omonimo blog sa più o meno cosa aspettarsi: bassa fedeltà, elettronica da rigattiere, band che sembrano messe assieme un pomeriggio in garage e già dimenticate la sera, band che invece lavorano nell'ombra da anni, insomma una forte sensazione di straniamento.
A chi invece non l'ha mai sentito nominare, basti sapere che Don't Die Wondering è un blog, una serata mensile e una label, divisione della Merok Records, etichetta a sua volta fondata qualche anno fa da uno dei Big Pink e casa di nomi come Klaxons, Teenagers, Crystal Castles, Titus Andronicus e Soft Pack.
La presentazione ufficiale della compilation dice quel che serve. Il resto per me l'ha fatto la canzone dei Light Sleepers, trio di Brighton che suona uno shoegaze sporco e dolce allo stesso tempo. Una canzone sempre sospesa tra l'abbandono e la tensione, con quell'accelerazione finale che spinge e spinge e non esplode mai e viene risucchiata via.
This compilation that we've lovingly put together comes on an actual CD that you can cruise around with on your Discman, augmented by beautiful fold-out artwork made by our friends at Crabwolf illustration collective, as well as some personal notes by the artists themselves.
We’ve decided to focus on artists from the UK for this one, and like to view the tracks on it as offering an enjoyable sum-up of the multi-layered, often juxtaposed trends, tendencies and occasional hints of the future we were witness to in alternative UK music this year, as well as a taste of the work of many new and exciting acts, some I’m guessing we’ll be hearing much more of soon enough.
Altogether, I think it’s real nice, but then again anyone would say that after hand-packaging a couple hundred!

>>>(mp3): The Light Sleepers - Côte Disaster

Nessun commento: