mercoledì 18 novembre 2009

Polaroids From the Web
"In some countries, they think indie is a genre" edition

- Ieri Fede aveva raccontato l'assurda aggressione subita da Darren Hayman dopo un concerto a Nottingham, circostanza resa ancora più agghiacciante da un suo casuale twit di poche ore prima. Oggi finalmente sul sito ufficiale dell'ex cantante degli Hefner è comparso un messaggio che ci rassicura un po' sulle sue condizioni di salute.

- Per chi come me si è purtroppo perso l'ultimo concerto di Evan Dando qui in città, c'è una bella recensione su Bastonate.

- Stanno per tornare i neozelandesi Brunettes (non più su Sub Pop) con l'album Paper Dolls: su Mess&Noise c'è un'interessante intervista con il cantante Jonathan Bree.
>>>(mp3): The Brunettes - In Colours

- Il decennio dei barbuti, secondo Simon Reynolds.

- "The Role Of The Record Label": formidabile tavola rotonda con rappresentanti di Kill Rock Stars, Matador, Merge, Saddle Creek e Jagjaguwar/Secretly Canadian/Dead Oceans (via Marina)

- La Slumberland negli ultimi due tre anni non ha sbagliato quasi nessuna uscita discografica, lasciando un'impronta forte sulla piccola scena indiepop. Non dimentichiamo però che la label di Michael Schulman ha vent'anni di carriera alle spalle. Per celebrare l'anniversario su Self-Titled Mag c'è un ricco speciale (con playlist annessa) in cui gli stessi musicisti di casa scelgono le loro canzoni preferite dall'intero catalogo (via Nur).

- Periodo fitto di nuovi dischi e anteprime in mp3:

Nessun commento: