mercoledì 16 settembre 2009

re: Playlist #5

Dopo la pausa estiva torna anche Inutile - opuscolo letterario, mensile autoprodotto che si trova sia in pdf sia su carta: un elegante A3 che piegato diventa più piccolo di una polaroid: da una parte rivista, dall'altra poster.
Come ogni mese, in mezzo ai loro racconti, recensioni e poesie, hanno pensato di mettere una rubrica di canzoni da scaricare per accompagnare la lettura, e hanno gentilmente invitato noi.
Questo numero è un po' particolare, perché lo scrittore statunitense Daniel Wallace (l'autore di Big Fish, il romanzo da cui è tratto l'omonimo film di Tim Burton) ha fatto un bel regalo alla rivista regalando un racconto inedito. Così alla Fagotta e al sottoscritto è toccato il non facile compito di pensare una playlist adatta all'occasione. La potete scaricare qua sotto. Il racconto invece, sia in italiano che in lingua originale, lo trovate qui.

The Clientele - I Wonder Who We Are
Il pa-pa-raà che introduce il nuovo singolo di The Clientele è capace di martellarti nella testa per sempre, cadenzando tutte le tue aspettative per una grande serata.

Bye Bye Bicycle - Northpole
Io ti ho sempre amata, mentre tu, guarda un po', tu non sei mai stata innamorata di me. Scappare al Polo Nord per sfuggire alle passioni oppure arrendersi? La band di Götheborg, meno sgraziata e più incisiva rispetto al passato, non risolve il dilemma ma almeno mette a segno il suo disco migliore.

The Pains Of Being Pure At Heart - Higher Than the Stars
Dall'ultimo EP dei Pains ci si aspettava più un regalo per i fans che altro, e così è stato. Una gemma che fa il lavoro di una vecchia canzone dei Cure: fa illanguidire e sussultare il cuore. Su su più in alto delle stelle.

The Smith Westerns - Be My Girl
Lei continua a correre nei miei sogni, non potrebbe diventare la mia ragazza? Non chiedo molto. Vorrei portarla a casa e vorrei soltanto che fosse la mia ragazza. La band di Chicago deve avere passato parecchio tempo in garage per ottenere questo magnifico sound, così precisamente ruvido e sgangherato, ma forse è rimasta un po' a corto di contatti umani.

Girls - Laura
Voglio essere ancora tuo amico, ne ho bisogno, ti prego: ritorna. Dopo tutti questi anni non è tardi. Ci siamo fatti del male, ma se in questo momento arrivi e mi sfiori staremo insieme per sempre. I Girls, da San Francisco, imbevuti di suggestioni Sixties e trasandatezza all'ultima moda firmano uno degli album d'esordio dell'anno.

Let's Wrestle - My Schedule
L'amore non sempre cura tutte le ferite e alcune serate si rientra a casa, si schivano i cartoni della pizza, si accende la tv, si dimentica la teiera sul fuoco, si va direttamente a letto a desiderare ciò che non si ha più.

Nessun commento: