mercoledì 22 aprile 2009

Perfection as a hipster

Tutta l'incredibile e modestissima vicenda di Kari Ferrell "The Hipster Grifter" è già stata spremuta in mille modi (e ovviamente non sono mancati un paio di post di Hipster Runoff).
La cosa che mi pare più interessante è la posizione di Vice Magazine, in evidente imbarazzo: non è piacevole passare dal ruolo di paladini della beffa culturale e dell'estetica dissacrante a quello di passivo trampolino sociale e rifugio per truffatori semipsicotici.
Gavin McInnes, co-fondatore della rivista, cerca di rivoltare la frittata ma non suona molto convincente.
Per puro caso la rivista non è rimasta in qualche modo vittima della Ferrell, liberandosene in fretta. Però mi pare che l'incidente sia un altro piccolo sintomo di quanto uno stile che un tempo era chiamato "alternativo" oggi sia a sua volta diventato un cliché fragile e pronto per il saccheggio.

ps: aggiungo questa canzone perché il titolo calza proprio a pennello, ma di God Help The Girl, il nuovo progetto di Stuart Murdoch dei Belle & Sebastian ne riparleremo presto.

>>>(mp3): God Help the Girl - Perfection as a Hipster

4 commenti:

FedE ha detto...

The bail I paid for Kari Farrell is more expensive than yours.

delio ha detto...

È grave se dico che di questa tizia non sapevo niente e che di questo post non ho capito una parola? E se aggiungo che di mitomani è pieno il mondo - e anche internet?

accento svedese ha detto...

Ho capito solo Vice Magazaine, che tra l'altro è una figata.

e. ha detto...

Delio, Accento: è perfettamente ok non sapere nulla / fregarsene di questa storia. Ne avevo letto su alcuni blog americani e mi aveva incuriosito un po'.

Sui mitomani: hai ragione, ma questa sembra una mitomane parassitaria del mondo "indie", molto specializzata e un po' particolare. Tutto qui :)

ciao, e.