lunedì 20 aprile 2009

Forse fan come gli etruschi
(che non hanno mai documentato la loro esistenza)


Ciao da Leonardo,
interrompo il mio decennale silenzio su questo blog perché sabato, 25 aprile, in occasione della Festa della Liberazione del Mattatoio, a Carpi suoneranno i Lomas. Un gruppo di cui ho paura che non sappiate molto.

Ne ho paura perché nel 2009, quando ormai a colpi di google e wiki ci si può fare una cultura di qualsiasi cosa, dei Lomas su Internet non c'è quasi praticamente niente. Tant'è che al Mattatoio mi hanno chiesto il permesso di ripubblicare un vecchio pezzo che avevo scritto io qui. Cosa che, per carità, non può che farmi piacere, ma si trattava della cronaca di un concerto non proprio esaltante, e davvero non trovo giusto che i Lomas siano ricordati per questo.

Io poi quando parlo di queste cose divento un campanile insopportabile, ma in mancanza di cd (ormai introvabili) e di fonti scaricabili, vi tocca fidarvi: i Lomas sono stati grandi, nel loro punk minimo non minimalista. In un decennio ('90) generalmente mediocre, in cui in mancanza di niente ci siamo affezionati a tanti chissàchi, la voce sconsolata di Fox ci ha fatto intravedere una poetica decente, provinciale senza troppo menarsela, e ci ha tenuto su il morale molto di più di quanto promettesse. Voi poi non potevate sapere, voi eravate persi in cazzate e mancanze di tatto (come si usa qui), ma non è colpa vostra.

Va bene, metto su un esempio, ma chissà se è quello giusto.

Lomas: Tre giorni (1997)

La vita è stata in discesa,
ma quando colpisce colpisce pesa, e a caso
e non c'è niente di nuovo, e chi t'ha aspettato
forse non ti aspetta più
e quando andrai tu in salita, e finisce la vita, li vorresti lì

Forse aspetta le scuse, ma da voi non le avrà:
le avrà tardive e confuse, forse lui non s'aspetta più niente
da noi che lo prendemmo in giro in campeggio
nell'ottantotto, ma questa è mancanza di tatto
e io non credo affatto che lui ci crederà

Forse fa come gli etruschi,
che non hanno mai documentato la loro esistenza,
ma non c'è niente di nuovo, e fai senza,
e la vita a volte ha colpito e sconfitto,
e forse ti avrebbe cercato
ma non t'ha più chiamato e mai più chiamerà

Quando sei andato a Caserta nei carristi
lui venne al tuo Giuramento e sarebbe voluto venire con te
ma non sapeva niente,
con certa gente non chiedeva il perché.
Perché era un illuso,
e quando lo avete escluso non lo vedeste più

Ma cos'è che succede qui a Modena: brucia una casa nel centro e nessuno la vede?
E non vede nessuno... e la strada è piena di fumo

Andammo su il giorno prima della festa in piscina
e per tre giorni restammo lì, ma voi non veniste,
ma voi siete persi in cazzate
e mancanze di tatto come si usa qui,
e noi caricammo la vespa con un gran mal di testa
e tornammo giù.

Quando tornammo da un viaggio venimmo ai cortili e incontrammo
la Silvia che ci disse che non c'era niente di nuovo
e che t'ha visto in piazza parlare con Giulio e con Colby
e con Colby passare la sera,
ma lei non c'era e non ci sarà più

Ma cos'è che succede qui a Modena: brucia una casa nel centro e nessuno la vede?
E non vede nessuno... Ma la strada è piena di fumo!


La vita è stata in discesa,
ma quando colpisce colpisce pesa e a caso
e non c'è niente di nuovo e chi ti aspettato
forse non ti aspetta più (sotto casa)
e quando andrai tu in salita, e finisce la vita, li vorresti lì

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Il fatto che i Lomas i lettori tipo di polaroid, quelli che sputtani nel tuo post non li conoscan proprio dovrebbe darti da pensare.
Invece sei sempre lì che sguazzi nell'autoreferenzialità più becera del "so tutto mì"

contento te...

Valido ha detto...

Leonardo, tranquillo, a questo gli abbiamo gia' tracciato l'IP e tra un po' gli bussa a casa la SWAT con l'ispettore Callaghan.
Lomas grandissimi, fiero di essere riuscito a beccarli live almeno una volta nella vita, mi dispiacera' non esserci.

leonardo ha detto...

Anonimo, forse non s'è capito, ma non biasimo i lettori tipo di polaroid se non possono conoscere un gruppo attivo negli anni '90 tra Bologna e Reggio i cui cd sono abbastanza introvabili.

Forse hai preso male la frase "voi eravate persi in cazzate e mancanze di tatto", che mi rendo conto, si presta a interpretazioni spocchiose, ma cantata da Fox è una ruvida carezza.

Anonimo ha detto...

non posso mancare cazzooooo!

e. ha detto...

Forse il primo anonimo semplicemente non aveva letto il testo prima di commentare.
Con i Lomas bisogna sempre prendere le cose un po' così, con questo humour modenese non sempre facile.
Ricordo anche che i Lomas furono ospiti di polaroid tipo nel 2003 o 2004, per la presentazione di "Hai preso le gocce", a quanto ne so la loro ultima fatica discografica.
Per me resta sempre incredibile come sono stati capaci di tenere assieme piccoli inni anarchici e personalissimi come "Redshift", altre robe più punk e rumorose, e vere poesie come "Carpi" o "Racconti di Modena Est".
Magari ci si vede sabato.
Grazie del post Leo.
ciao, e.

Rabbein ha detto...

Leonardo se vieni al concerto ti farò picchiare da biccio e dai fratelli coriani, altro che ruvide carezze. Così la smetti di importunare le persone con la tua incomprensibile passione per i lomas.
Bitto

Anais ha detto...

come hai ben detto, di cose sui Lomas, se ne trovano ben poche su internet oggi.
il mio problema era far capire alle "nuove leve" (ma forse anche a miei coetanei) che un concerto dei lomas non è una cosa che capita tutti i giorni.
e trovo che tu (Leonardo) sia uno scrittore migliore di me, e che dal tuo post del 2004 si capissero molte più cose che un semplice giudizio (magari nemmeno troppo positivo) sul concerto dei nostri concittadini, e magari una contestualizzazione locale e temporale ai più meno nota.

per questo ti chiesi di ripubblicarlo... :-)