mercoledì 21 gennaio 2009

The Soft Pack

The Soft PackSi era vagamente parlato di loro l'autunno scorso, quando decisero di abbandonare il loro primo nome ("The Muslims") viste le continue noie. Il NY Times si domanda dove fosse il problema, dato il recente successo di gruppi chiamati Fuck Buttons, Fucked Up o Pissed Jeans.
Poi, quasi senza preavviso, a fine anno i Soft Pack si sono ritrovati nelle liste di "band da tenere d'occhio nel 2009" su testate come Observer e Paste. Niente male per dei ragazzi che non possono nemmeno pagarsi un grafico per la copertina del disco.
Provengono da San Diego e suonano semplice rock'n'roll. Alcuni li paragonano a certi Strokes, ma direi che lo stile è molto più scarno e grezzo. Anzi, i Soft Pack non ci provano nemmeno a "darsi uno stile", e hanno ben presente di essere degli sfigati.
Sul fondo alle loro canzoni resta sempre qualcosa di freddo. Anche quando il ritmo pesta e il basso incalza nevrotico, la voce di Matt Lamkin sembra dissociata (un po' alla Modern Lovers), mentre le chitarre si fermano un passo prima di dare l'affondo decisivo. Distratti, incapaci o astuti?
Chi se ne frega, si arriva alla fine del disco e c'è questo pezzo, Bright Side, e non importa nient'altro.

>>>(mp3): The Soft Pack - Bright Side
>>>(mp3): The Muslims - Grinding Halt (The Cure cover)
>>>(video): The Soft Pack - Extinction

update: in contemporanea, ne parla anche Stereogram (potevamo metterci d'accordo almeno sulla foto, eh)

6 commenti:

lozirion ha detto...

Ciao! Bè, le premesse ci sono tutte, e a dire la verità l'accostamento agli Strokes non è poi così sbagliato....
Ma con qualcosa in più (o in meno, dipende dai punti di vista), perchè quegli strumenti un po' dissociati tra di loro, un po' sfasati, mi riportano alla mente i sex pistols, con la differenza che credo che I Soft Pack SEMBRANO distratti e un po' incapaci.... :D

Ps. Complimenti x il blog! :)

Ari ha detto...

Never heard of them before (and obv I don't understand a single word of what you just wrote) but great Cure cover!

Anonimo ha detto...

tu almeno hai citato la fonte...

colas ha detto...

Beh ho provato a citare il N.Y. Times senza averlo letto, ma non funzionava. C'era qualcosa che non girava. Tipo... il fatto di non aver letto il pezzo.

Che questa storia del cambio di nome sia un selling point?

pullo ha detto...

I love the muslims...volerli live con let's wrestle!

e. ha detto...

Lozirion: sì infatti, si gioca un po' tutto su quel "sembrano" (però i Pistols, non saprei...)

Ari: thanks!

Anonimo: in realtà io ho copiato qualcuno che citava la fonte senza leggerla e senza citarlo

Colas: sì, il cambio di nome potrebbe essere una strategia di marketing, ma come dire, mi pare un po' contorta... poi con questo suono... però è vero che tutti ne parlano (anche) per quello e si fermano ad ascoltare...
Potresti far scambiare di nome a tutti i gruppi 42 al prossimo album?

Pullo: yeah, magari!