martedì 16 settembre 2008

Centinaia di cose mi tengono sveglio la notte

Love Is AllQualche sera fa ho visto i Love Is All in concerto. Sono stati un'esperienza supersonica, ho provato a raccontarla con un report per Vitaminic e non vorrei aggiungere altre parole, so che ci si può annoiare a leggere quanto si sono divertiti gli altri.
Ma questa settimana la band svedese arriva in Italia per due date e lasciate almeno che vi dia un consiglio: non perdeteli. Anzi, cercate di vederli quanto più da vicino possibile.
Questa sera saranno sulla spiaggia dell'Hana-bi di Marina di Ravenna, mentre domani saliranno sul palco del Rocket di Milano, supportati dai nostri A Classic Education.

L'11 novembre uscirà il secondo album dei Love Is All, A Hundred Things Keep Me Up at Night, prodotto da Wyatt Cusick, già chitarrista negli Aislers Set, e pubblicato ancora una volta da What's Your Rupture.
Il titolo del disco proviene da un verso di Big Bangs, Black Holes, Meteorites, nervosa e ossessiva, puro ghiaccio secco, mentre Wishing Well è la deflagrante canzone con cui hanno aperto il set, stendendomi in un secondo.
Vi ho già detto che dovreste proprio andarli a vedere dal vivo?

>>>(mp3): Love Is All - Wishing Well
>>>(mp3): Love Is All - Big Bangs, Black Holes, Meteorites

2 commenti:

Francesca ha detto...

noooo me li sono persa all'Hana-bi!!!!bel blog.

Anonimo ha detto...

ma sono quelli che hanno fatto la cover dei pastels, esatamente identica??
mah... tutto questo sbavare per un gruppettino come i love is all..... i love is all stanno ai pastels come lo spumante gancia sta al taittinger... parere personale (scusa il paragone un po "snob"), enzo. ma se dobbiamo accontentarci di un succedaneo del genere, meglio comprarsi un pastels qualsiasi, che tra l'altro costa la meta'.....
ciao
Kiko