mercoledì 23 gennaio 2008

Leggins: the modern age

Leggins
Ero lì tranquillo che sfogliavo il programma del Mattatoio Club di Carpi (MO) quando incontro un nome mai sentito in giro. Sembra pure scritto nel modo sbagliato: Leggins, senza una "g".
Faccio un rapido Google e mi trovo davanti tre facce adolescenti, un attimo dopo parte questa canzone che pesta veloce, brucia chitarre strokesiane e tira fuori una voce che sembra uscita dai migliori pub della tradizione britannica.
E io cosa posso fare, quando mi capita una canzone così? Io, régaz, mi metto a ballare. E la suono forte in radio. E mi si stringe il cuore per una nuova giovane band.
Che poi, saranno pure giovani questi Leggins, ma sembrano avere già idee chiare. Si muovono agili nella Rete, stanno registrando un ep che uscirà per Disastro Records, nuova emanazione della storica Cramps, e hanno già un "events manager".
Qui sotto un mp3 e quattro chiacchiere con i diretti interessati.
Sabato sera saranno in concerto al Mattatoio. Ci si vede a banco.

Leggins - Money Isn't Everything



Cominciamo dalle presentazioni: da chi sono composti i Leggins e da dove vengono? A giudicare dalle foto che girano sembrate parecchio giovani.

Fondamentalmente siamo tre amici che amano la vecchia Albion e tutta la musica che da là proviene. La band nasce in un sobborgo squallido in provincia di Vicenza e lì vive ancora. Ebbene sì, siamo effettivamente molto giovani, praticamente tutti diciassettenni, anche se qualcuno si sta avvicinando verso la maggiore età. Infatti ci sbattiamo giorne e notte per trovare qualche buon'anima disposta ad accompagnarci ai live.

Leggins
Com'è nata la band? Eravate in altre formazioni prima? Com'è la scena dalle vostre parti?

L'attuale formazione è nata nel settembre dell'anno scorso, con l'intervento del nuovo batterista, ma il gruppo ha iniziato a prendere forma all'incirca nell'autunno del 2006. Nessuno di noi era in altre band in precedenza.
La scena dalle nostre parti è veramente molto attiva e proficua, con gruppi di buon calibro di qualsiasi genere, e secondo il nostro punto di vista ciò è una cosa veramente positiva.

Le due canzoni che per ora si possono ascoltare sul vostro myspace mostrano chiari riferimenti a Strokes e Libertines. Che altro bisogna aggiungere alle vostre coordinate musicali? Come definireste il vostro stile?

LegginsSiamo cresciuti ascoltando principalmente Libertines, ed è proprio grazie a loro che abbiamo iniziato ad esplorare un po' tutta la musica stava venendo fuori attorno all'idea Libs.
Stiamo per entrare in studio a registrare il nostro primo EP, che conterrà tracce in puro stile indie rock, britpop, post-punk, cantato sempre in inglese. Nei nuovi pezzi cerchiamo di non dare nulla per scontato, con parti di chitarra e basso che si mescolano da dio e lo stesso vale per le voci.

Vi date parecchio da fare promuovendo la band via myspace e avete migliaia di amici: che opinione avete di questo mezzo? Ci sono pro e contro?

Sì, effettivamente siamo parecchio attivi nella promozione tramite myspace, crediamo sia una piattaforma utilissima per farsi vedere, ascoltare e conoscere. È qui che organizziamo la maggior parte dei nostri concerti, quindi bene o male cerchiamo di stare connessi il più possibile, e anche se magari non siamo presenti davanti allo schermo lasciamo sempre tutto acceso. Myspace è bello quanto si vuole, ma purtroppo ti brucia il cervello, è una droga pesantissima che non ti lascia via di fuga, inizi ad usarlo e non puoi più farne a meno, magari sarà anche debolezza ma è pazzesco.

4 commenti:

onan ha detto...

Niente male. E sono pure di Vicenza.

Marvin ha detto...

Complimenti per il blog!

La redazione di Marvin

giuly*is*a*rocker ha detto...

legginssssssss 4 ever!!!!!!contentissima d poter dire "eh si li conosco!!!!"loooove u guys!!!!!!!!!giuly

sixfeetoverunder ha detto...

Purtroppo i tentativi miei e dello zio di tirar su Michele il cantante a suon di Metal e Hc son risultati del tutto vani! :D