sabato 21 luglio 2018

I'm used to yesterday, some things we used to say

Smokescreens - Used To Yesterday

Su YouTube, il primo commento sotto al nuovo video di Waiting For Summer degli Smokescreens dice soltanto: "That Dunedin feeling: well done!". Ecco, in tre parole, una recensione imbattibile. Sta tutto lì, in quel feeling, ancora prima che nel famoso "sound" di Dunedin, il cuore del nuovo meraviglioso album della band di Los Angeles. Used To Yesterday riesce a portarti via prima che tu riesca a ragionarci troppo. Con le sue atmosfere Anni Ottanta, quelle chitarre che sanno muoversi con totale naturalezza tra power pop e riff più jangling, con l'urgenza delle sue melodie e dei suoi cori, e con quei frugali innesti di synth, potresti davvero credere di avere per le mani qualche prezioso reperto Flying Nun. Rispetto all'album di debutto mi sembra che il quartetto, fondato da Corey Cunningham dei nostri amati Terry Malts insieme a Chris Rosi dei Plateaus, abbia smussato certe asprezze: anche i pezzi più scatenati come The Lost Song o il singolo Someone New sono meno abrasivi, e alcune delle mie canzoni preferite in scaletta sono delle ballate, come la malinconica Buddy, l'epico finale alla REM Falling Down, o il palese omaggio ai Velvet Underground che è Fool Me. Merito probabilmente del lavoro di produzione di Kyle Mullarky, l'uomo dietro al suono degli Allah-Las, ma anche del cambio di formazione, che ha visto arrivare il batterista Brice Bradley e la bassista Jenny Moffett. Quest'ultima aggiunge anche la propria voce in un paio di tracce, e con ottimi risultati. Insomma, se eravamo "used to yesterday" e alle uscite infallibili di casa Slumberland, questo nuovo disco degli Smokescreens, opportunamente uscito nel bel mezzo dell'estate, è la migliore conferma che poteva arrivarci.



giovedì 19 luglio 2018

Promise it won’t happen again. Until it does.

YOUNG SCUM

I forgot to make your mixtape
Now these songs are floating around you
They mean something
I just don’t know what

Quanto è presuntuosa l’arte di perdere tempo: come se potessi perdere davvero ciò che non fa altro che sfuggirti dalle mani. Quanta presunzione a vent’anni, e ancora di più quando comincia la discesa nella seconda metà dei venti. “Was I naive to think at 25 I’d have, at least, one thing figured out?” cantano gli Young Scum nella canzone che apre il loro album d’esordio, e la risposta non può che essere: “without a doubt”. Il leitmotiv del disco è proprio il continuo rimbalzare tra lo sconforto per tutto il tempo sprecato e l’incapacità di reagire; una timidezza e un abbandono che finiscono per farci perdere ulteriore tempo. Il tempo che ti scorre addosso, e quel sottile piacere nel non far nulla per trattenerlo, per potersi così trovare nella posizione, tutto sommato conveniente, di dire “Another year I’m still the same / Another year’s worth of bad days”.
L’amore secondo la band di Richmond, Virginia, è una variabile di difficile interpretazione: a volte ci salva e ci porta via da tutto questo (“If I’m with you it doesn't matter / Weekends on our own / We turn off our phones”), altre volte rappresenta il colpo di grazia del rimpianto (“I never thought I’d kiss you / Now I miss you all the time”). Restano sempre sullo sfondo, quasi mai affrontate davvero, certe differenze, certi gesti che sembrano tagliarci fuori proprio da quelli che vorremmo più vicini: “I scroll to remember, you scroll to forget”.
La voce morbida di Chris Smith ha esattamente quel colore da fine domenica pomeriggio, quando il senso del dovere torna a presentarci il conto di tutta la nostra inadeguatezza. Ma una cosa che mi piace molto degli Young Scum è che a contrastare tutta questa inarrestabile ansia arrivano chitarre scintillanti e agrodolci, al servizio di una scrittura degna delle migliori uscite di Lucksmiths, Field Mice o Brighter, per darvi un’idea delle atmosfere. Insomma jangle pop di primissima qualità.
Era davvero tutto tempo sprecato, se ti ha fatto scrivere musica come questa?

[in cassetta su Citrus City, vinile su Pretty Olivia]

martedì 17 luglio 2018

"I know, I know I can be a bit much" - intervista a Elsa Lester

ELSA LESTER

Il mese scorso, nella periodica rassegna di nuove uscite indiepop, vi avevo già confessato di essermi innamorato di Elsa Lester e del suo EP Dinner Party, una raccolta dal carattere esuberante e spigliato di deliziose canzoni "da cameretta". Elsa, il cui vero nome è Lisa van Kampen, si presenta "as DIY as one can be", ma dato che in giro non si trovavano molte altre informazioni su di lei, mi è venuta voglia di scriverle direttamente, e lei si è dimostrata gentilissima e paziente nonostante il mio inglese amatoriale. Poi, come spesso succede in queste piccole interviste via email, da quel leggero sfasamento tra domande e risposte a distanza saltano fuori delle sorprese interessanti, tipo quando io sbaglio completamente riferimenti musicali e così lei mi parla dei suoi dischi preferiti (citando anche i Petite League!). Elsa Lester è una delle rivelazioni indiepop dell'anno, Dinnner Party sarà una delle colonne sonore dell'estate di questo blog, ma io non vedo già l'ora di sentire cosa la giovane cantautrice olandese saprà regalarci in futuro.
Dinner Party è disponibile anche in cassetta via Z Tapes.

* * *

Hi Elsa, when did you start making music and how?
I started making music when I was 7. I started with piano, had lessons for 8,5 years, picked up the guitar when I was 13, picked up bass guitar and cello when I was 19. So I’ve been making a lot of music for 16 years now.
I always wanted to be a musician and write my own songs so I started doing that when I was around 20 years old. The first proper song that I wrote was Happy Hollywood and two months later I released my second proper song Lemonade. That’s when I really started working on my music.
I was in one other band before Elsa Lester. We were called Until We Fall and played metalcore/hardcore. It was fun but we were not at all a serious band. Three of them actually play in my band now.

Did you play all the instruments on the album and EP?
Kind of. I played and sang everything except for the drums, I used software for that. I have my own band that play with me during shows.

ELSA LESTER
The first thing I read about you was “The Netherlands’ version of Courtney Barnett”: do you think it is fair to your writing and your idea of music? Or did you feel it was lazy and an easy comparison because you are both girls with a guitar?
I take it as a big compliment. I haven’t been listening to Courtney Barnett for a long time but I recently bought her entire discography and saw her live a couple of weeks ago and boy, she’s good. I love her music. But I do understand where you’re coming from. I think people tend to compare musicians to each other when they have the same gender. Now that you’ve mentioned it, people always compare my music to other female artists like Liz Phair and Frankie Cosmos. Never noticed it, until now.



It seems to me that the sound on the new EP is a bit more indiepop than Stress Relief. Would you say this is correct? If so, what has changed in the meantime, other than the name of the project.
Yeah, I changed my artist name a couple of months ago from Great Profile to Elsa Lester because I didn’t want to have a ‘band name’ as my artist name. People were always confused when I told them that Great Profile was just me. The music also changed a little bit because I wanted to write more rock songs and not the poppy songs like True Blue, Indigo, and I Didn’t Wanna Meet You. I mean, I still like those songs and we still play them live but I love rock music more.

Beside Courtney Barnett, I would list different comparisons for Dinner Party, for example Lois, Tiger Trap, Flatmates, Vaselines and maybe also All Girl Summer Fun Band. Do you like some of them? What are your favorite indie pop records?
I don’t know any of them, haha! Some of my favorite indie pop/rock records are: Down In Heaven by Twin Peaks, Sometimes I Sit and Think, and Sometimes I Just Sit by Courtney Barnett, Boronia by Hockey Dad, Slugger by Petite League, Sad Boys by Surf Curse, and Next Thing by Frankie Cosmos.

ELSA LESTER - DINNER PARTY
In Somewhere you sing "You make my heart feel like a joke": I think it's a great line to describe the way people sometimes make you feel when you passionately talk about indiepop and they just don't have a clue: but what the song is actually about?
That’s funny! I totally get what you’re talking about. I like a lot of smaller bands and I can’t share that passion with anyone and it totally sucks! A lot of people don’t get my music taste haha. That’s why I always go to shows alone.
Somewhere is actually about me trying to escape a toxic relationship that I was in with a guy for three years. I wanted to leave because he was an asshole, did a lot of bad things, and made me feel like total shit 24/7 but I couldn’t for some reason. People who have been in that kind of relationship know what I’m talking about. The other one makes you feel like they are the only important thing in your life that’s left and you are so dependent on them. A lot of mixed feelings are described in this song.
Somewhere is part 2 of two songs that I wrote about this relationship. This song is written from my (a female) perspective) while Say No, part 1, is written from my ex’s (a male) perspective.



Is there a main or recurring theme on the new record? What is the inspiration behind the lyrics?
I’d say, and this is super cliché, but love is definitely a main theme on the record, whether it’s good, bad, or unrequited love. I guess the only interesting things that happen in my life are about love, and I have a shitty love life hahah!

Why did you choose to release the EP on cassette? A recent article on The Quietus celebrated the uncool CD format: cheaper, with a lower environmental impact and extremely DIY. Do you have an opinion about "the return of vinyl"?
I like cassettes. I think they look cool because they’re so small and it’s super retro. I released Stress Relief on CD but I think CD’s are old fashioned now. Vinyl is the most popular but it sucks that it’s so expensive. I have a couple of records on vinyl but I only buy vinyl when I really really like the record and I know that I’ll listen to it often. I hope to release my music on colored vinyl some day, already looking forward to it!



venerdì 13 luglio 2018

I thought I wanted to be up high

FANCLUB - LEAVES

"I started a new band because I'm basically having a midlife crisis": non ci credo ma suona bene. Chi ricorda i Letting Up Despite Great Faults sarà felice di sapere che Mike Lee e Daniel Schmidt, ovvero due terzi di quella formazione, ora hanno messo in moto un nuovo progetto. Si chiamano semplicemente Fanclub, fanno base a Austin e vedono alla voce Leslie Crunkilton, già nei texani Dizzease (che avevano bei colori molto All Girl Summer Fun Band).
Con fin troppa modestia i Fanclub si definiscono "indiepop that probs sounds like everything else", ma in effetti a giudicare dal primo singolo Leaves, sembra che tutti i riferimenti che avevamo a cuore siano ancora lì: Postal Service, The Radio Dept., Figurine, sfumature shoegaze a fare da cornice a un bedroom pop sintetico e scintillante. Se "everything else" suonasse sempre così io sarie felice. Intanto godiamoci questo esordio e aspettiamo il resto.
Come spiega la Crunkilton, "Leaves is about the process of figuring out how to keep myself grounded when things are particularly tumultuous":

mercoledì 11 luglio 2018

"Collectivism and autonomy are not mutually exclusive"

PARQUET COURTS - WIDE AWAKE

In un’epoca disperata, in cui anche i più arroganti articoli sulla morte dell’indie rock sono ormai estinti, Wide Awake, il nuovo disco dei Parquet Courts è stato una botta di adrenalina iniettata direttamente nel nostro vecchio cuore post-punk con un gesto tanto deciso e perentorio quanto ingegnoso e acuto.
Soprattutto è un disco che dell’epoca disperata in cui esce parla senza timori o esitazioni. Pieno di dubbi e dilemmi, questo sì (“Allow me to ponder the role I play / In this pornographic spectacle of black death / At once a solution and a problem” – canta Violence), ma determinato a passarli in rassegna uno per uno, e a sbatterceli in faccia, insieme alle sue e alle nostre contraddizioni.
We are conductors of sound, heat and energy
And I bet that you thought you had us figured out from the start

Sono i due versi con cui si apre l'album, e a dire il vero, se c’era qualcosa che mi aspettavo “from the start” da questo nuovo lavoro del quartetto di Brooklyn, erano proprio testi come questo: l’ermetismo iper-analitico e frenetico, ma al tempo stesso combattivo e denso di proclami, di Andrew Savage è una delle cose più esaltanti successe nella musica di questi ultimi anni. Quanto vorrei che nel loro deludente merchandising ci fosse una maglietta con "Collectivism and autonomy are not mutually exclusive".
Che stiano parlando di estinzione del genere umano (Before The Water Gets Too High), dell’indifferenza che abbiamo imparato a mantenere quando entriamo in contatto con la povertà (NYC Observation) o della lunga e faticosa elaborazione di un sentimento di lutto (Death Will Bring Change, dedicata alla sorella, con un devastante coro di bambini che ripete il titolo quasi con allegria), il messaggio dei Parquet Courts punta a dissezionare quello che diamo per scontato nella nostra società, quello che siamo costretti a credere e quello che ci fa comodo credere. E non manca mai di sottolineare il dolore che ci trafigge in maniera costante, forse l'unica cosa di cui possiamo essere sempre sicuri, insieme all'ossessione per il profitto in cui siamo immersi.
Lately I’ve been curious, wondering
Do I pass the Turing test? Do I think?
I’m not sure I wanna know

E poi c’è il suono, o per meglio dire: i suoni. I Parquet Courts sono maestri nel gestire un assortimento di influenze e riferimenti e a tirarli fuori di volta in volta, secondo lo scopo, con cambi fulminei da una canzone all’altra, o anche all’interno della stessa traccia, con scarti di tempi che mi lasciano steso (vedi qui Almost Had to Start a Fight/In and Out of Patience oppure Total Football). A questo giro buttano nell'impasto qualche ritmo dub e reggae in più rispetto al passato (Back To Earth), e qualche frugale ornamento di tastiere, grazie probabilmente all'inattesa collaborazione con Brian Burton aka Danger Mouse nel ruolo di produttore. Ma per il resto c'è tanto dei ruvidi e potenti Parquet Courts che amiamo da sempre, e che ogni volta riesce incredibilmente a sembrare ancora più a fuoco e ancora più nitido: Wire, Minutemen, Devo, Talking Heads, aggiungiamo anche i Liquid Liquid nella danzereccia e travolgente title-track. Come questi ragazzi riescano a reggere il passo della loro iper-prolifica discografia, date queste premesse, è un miracolo.
I’ve learned how not to miss the age of tenderness
That I am so lucky to have seen once
And now that I’ve become older I’ve learned how to brush over
My history and how it’s sequenced

Ma è questo per me il vero miracolo: la sicurezza, la compiutezza di un gesto elegante e al tempo stesso netto e severo, da grande autore mi viene da dire, come se questo disco fosse un romanzo, con cui i Parquet Courts legano la canzone più toccante e personale in scaletta (Freebird II - in cui Savage racconta il rapporto con la madre tossica e allo sbando) con il finale del disco, la quasi scanzonata Tenderness (che a me fa venire in mente, non so perché, addirittura i Doors): "I can’t count how many times I’ve been outdone by nihilism / Joined the march that splits an open heart into a schism". Eppure, alla fine, come un "junkie going cold / I need the fix of a little tenderness". Ed è proprio lì, nonostante tutto, che gli intransigenti Parquet Courts ti dicono che riescono a ritrovare l'umanità in questi tempi disumani, a cantare una speranza sfatta e a brandelli, ma ancora viva, e io penso che sia una cosa davvero grandiosa e bellissima.

(mp3) Parquet Courts - Total Football

domenica 8 luglio 2018

Flyin' Zebra live @ polaroid!

Flyin' Zebra live @ polaroid!

Lunedì ho concluso la diciassettesima stagione di "polaroid - un blog alla radio" e per l'ultima puntata ho avuto in regalo un bel live in studio. Non ne facevo da un sacco (è stata un'annata anche un po' pigra e distratta, lo so), e sono tornati a trovarmi i Flyin’ Zebra, che tra l'altro hanno da poco fuori il nuovo EP Death By Shaokao e un nuovo video allucinogeno. Era quello che ci voleva: dentro il loro suono puoi perderti ma anche riprenderti di colpo, e mi piace l'equilibrio che sanno trovare - sopratutto nei concerti - tra le influenze più apertamente psichedeliche e la voglia di spingere sul puro rock'n'roll. È stato un "season finale" tonificante e, nonostante i brindisi con le birrette ormai tiepide, mi ha dato una bella carica per ritornare in onda dopo le vacanze.
Qui trovate il podcast dell'intera ultima puntata, mentre qui sotto le canzoni che i regaz ci hanno regalato dal vivo:

Flyin' Zebra
live @ "polaroid - un blog alla radio" 2018/07/02


- Head Rush
- Talkin' About Food With Timothy Leary
- Dakota


sabato 7 luglio 2018

"Metric alone fails to tell the whole story"

Quella vecchia rubrica che una volta si chiamava "Polaroids From The Web" [*]

Bodega

▶️ «I think part of the reason the media was so happy to embrace Spotify is rooted in a distrust of the label system. For an older generation, record labels were the music industry’s primary boogie men: dressed in suits and digging their grubby hands into artist’s pockets and master tapes. Implicit in the charge that labels need to get with the program and join Spotify is the assumption that Spotify would, in the parlance of Silicon Valley, disrupt the major label system. The most optimistic view is that this disruption would ultimately benefit artists looking to get their music in front of the biggest audience possible. It didn’t quite work out that way. The streaming revolution didn’t disrupt the major label system, it fortified it»: "Editors’ Choice: Stream Bloody Gore" su Invisible Oranges (webzine che non conoscevo, anche perché parla di heavy metal).

▶️ E già che stiamo parlando di streaming, un interessante approfondimento su Billboard: "Millions of Followers? Yes, But Some Top Spotify Playlists Fall Short on Engagement" (articolo che si scontra un po' con la vaghezza di certe metriche intorno alla piattaforma).

▶️ La storica etichetta indiepop Slumberland Records sta per compiere trent'anni e lancia la SLR30 Singles Subscription Series, un classico "singles club" che promette di essere molto ricco, con tredici 45 inediti, esclusivi e a tiratura limitata, da qui a dicembre 2019. In programma band come Dolly Dream (con Meg Remy di U.S. Girls), Wildhoney, Pale Lights, Failed Flowers (Anna Burch insieme a Fred Thomas dei Saturday Looks Good To Me), solo per citare alcune di quelle già annunciate. Ovviamente si parla già di "exclusive color vinyl pressings, fun goodies throughout the series, and finally a bonus single at the conclusion of the subscription that will not be available elsewhere", mentre sono previste diverse soluzioni per le spedizioni (non proprio economiche). Aprono la serie i Rat Columns, che ci regalano anche la canzone che fa da antipasto a tutto il progetto, Sometimes We're Friends:



▶️ "Discover an Archive of Taped New York City-Area Punk & Indie Concerts from the 80s and 90s: The Pixies, Sonic Youth, The Replacements & Many More" (una vera miniera, ad avere qualche settimana di tempo).

▶️ Se invece avete soltanto una mezz'oretta, su BBC Radio4 si può ascoltare un documentario su Aphex Twin curato da John Doran, già editor di The Quietus.

▶️ A proposito della webzine britannica, "A Man Escaped: The Style Council’s Confessions Of A Pop Group 30 Years On": The Quietus riconsidera (e a ragione) uno degli album meno fortunati della carriera di Paul Weller.

▶️ I redivivi Essex Green sono tornati dopo più di dieci anni con un nuovo album (su Merge Records) intitolato Hardly Electronic e Louder Than War li ha intervistati (l'intervista, diciamolo, non è delle più memorabili, ma è già così raro trovare un po' di approfondimenti dedicati all'indiepop che ci accontentiamo).

▶️ "So many female artists get shunted to the side and it's tragic": Drowned In Sound qualche giorno fa ha pubblicato una bella intervista a Tanya Donelly delle storiche Belly (che da poco hanno pubblicato un nuovo album, Dove).

▶️ «Such is life in 2018; love stories increasingly begin online and are perpetuated through text conversations, Facebook relationship statuses, and Instagram couple photos. Hozie and Belfiglio are hyperaware of this, using the all-encompassing role of technology in our lives not only to describe their own experiences, but also to portray what being a resident in Brooklyn during the Trump era is like for the outside world»: se già non li avevate sul radar, sul Village Voice c'è un bel profilo per fare la conoscenza dei Bodega, nuova super hype band di casa What's Your Rupture (prodotta da Austin Brown dei Parquet Courts) che ha appena pubblicato Endless Scroll:



▶️ Una di quelle raccolte curate da Bandcamp che mi fanno impazzire: "Seven French Artists Putting a New Spin On Yé-Yé", e si apre ovviamente con le mie preferite Juniore. "Don’t expect pure nostalgia from the acts below, though. Their sound is very now".

▶️ Un po' telefonato, ma che vuoi farci, siamo nostalgici: sul Guardian un lungo pezzo per ricordare "Thirty years since the second summer of love".

▶️ "The Grandeur of Great Protest Music - Political art that outlasts its times needs more than just a powerful message" (via The Atlantic).

▶️ Non riguarda direttamente la musica, ma è una lettura che mi pare molto stimolante: "Did blogs ruin the web? Or did the web ruin blogs?" (via Kottke).

▶️ Per concludere una notizia di casa nostra: Birthh sta per tornare in tour negli Stati Uniti e Keeponlive la intervista. «Questo tour ha uno scopo preciso che è quello di provare i pezzi nuovi e vedere anche le reazioni del pubblico nei confronti dei brani. Li presenterò con l’arrangiamento delle demo quindi non saranno le versioni definitive. Prima ancora di iniziare la registrazione del nuovo album vorrei rodarli live, quest’aspetto mi è mancato con il primo album».






lunedì 2 luglio 2018

Future me hates me

SNAIL MAIL

"polaroid - un blog alla radio" S17E32

Das Kope – Ready For The Summer
Blueberry – Cross Game
The Beths – Future Me Hates Me
Dumb – Romeo
Elsa Lester – Somewhere
The Catenary Wires – Was That Love
Massage – Oh Boy
Charles Irwin – Inner Feelings
Sharesprings – Something Soon
Snail Mail – Pristine
The Wolfounds – The Anti-Midas Touch

Download / Streaming / Iscriviti al podcast / iTunes / Mixcloud