martedì 27 ottobre 2015

Polaroids From the Web

"Bizarre obsessions" edition

Tavi Gevinson - instagram

- «I’d rather hear about someone’s bizarre obsession with something that isn’t quote-unquote "cool"... I don’t just want to be told what music is quote-unquote "cool"; it’s boring.» - Tavi Gevinson, adorabile come sempre, intervistata da Pitchfork a proposito del suo nuovo Rookie Yearbook Four.

- «Claiming they were a detriment to broadcasting, NPR lobbied aggressively to destroy these small-fry noncommercial competitors, who were often forced to disband or convert to closed-circuit (campus-only) format. By the early nineties, college radio was squeezed to pathetic micropower status. [...] The college rock groups died off. Into the breech leapt something called “indie rock.”» - "The Rise and Fall of College Rock - How yuppies and NPR gentrified punk" di Ian Svenonius (MakeUP, Weird War, Chain & The Gang) è un'interessante rilettura della scena alternativa americana Anni Ottanta, con un punto di vista meno glorioso di quello che altre cronache ci hanno tramandato.

- «Because we're so immersed in a digital space—Instagram, Facebook—people want something else. It's quite refreshing to write something down again and print it.» - interessante pezzo su The Fader a proposito di una piccola fanzine londinese. La cosa che mi piace è che con le fanzine, ogni volta, la storia sembra ripetersi dall'inizio, ma senza dimenticare i traguardi raggiunti prima, e con una consapevolezza della tradizione.

- «I first heard the term “anorexic” in the back seat of a car on the way home from the movies. It was the summer before seventh grade.» - sul Guardian un toccante capitolo dell'autobiografia Carrie Brownstein Hunger Makes Me A Modern Girl.

- «The power of Hopper’s book is that it exists fully within the fray and – despite the joke/truth of the book’s title – her prominence is not tied to her gender. Spanning 11 of her 20 odd years as a writer, it is shot through with a sense of in-the-moment engagement, of growing up and around the darkest corners and brightest lit stages of the contemporary music world.» - bella recensione firmata da Amy Pettifer su Loud And Quiet del libro di Jessica Hopper The First Collection of Criticism by a Living Female Rock Critic.

- «Everett True Launches Rejected Unknown» - nuovo progetto editoriale promosso dal leggendario critico allo scopo di supportare le idee dei giornalisti scartate dalle altre testate (sì, a quanto pare dice davvero così).

- «Toledo’s career thus far is a modern, indoorsy version of what it means to be young, testing your limits and pursuing ambitions in public, leaving the rough-draft version of yourself available for all to see. At its core is a sense of discovery, especially when it comes to the entrancing, soul-saving effects of other people’s music.» - un bel profilo di Will Toledo e del suo progetto musicale Car Seat Headrest sul New Yorker.



- Mancano tre giorni all'uscita ufficiale di Seems Unfair, il nuovo album dei Trust Fund (si può già ascoltare in streaming su Soundcloud) e Ellis Jones ha preparato per GoldFlakePaint una super playlist con le canzoni che hanno ispirato l'album: Built To Spill, Apples In Stereo, Field Mice, Subway Sect tra gli altri nomi.

- My Secret World, il bellissimo documentario sulla storia della Sarah Records che avevamo proiettato a Bologna questa estate, uscirà in versione DVD e verrà presentato il prossimo 5 novembre alla Rough Trade di Londra!

- Oggi è il secondo anniversario della morte di Lou Reed, così sono tornato a leggermi un po' degli articoli che avevo raccolto qui. Ci sono alcune cose che continuano a farmi commuovere

Nessun commento: