venerdì 3 luglio 2015

This, the time to restart

Any Other - Gladly Farewell

Ricominciare quando tutto è a pezzi. Lo so, lo so: questo è il momento giusto per ripartire da capo, ma sento un nodo in gola e ho troppi ricordi. Preparare la cena e poi andare a letto: una cosa alla volta. E poi diventare grandi, crescere.
Adele faceva parte di un duo di cui mi ero innamorato a prima vista, le Lovecats. Un Natale mi avevano anche regalato una canzone per la solita compilation, ed è un regalo che tengo davvero caro. Le Lovecats si sono sciolte un po' di tempo fa: Cecilia la trovate nelle illustrazioni di Mistobosco, mentre Adele ha continuato a fare musica. Ora si fa chiamare Any Other, e ogni volta che posso corro a sentirla dal vivo, con la sua chitarra, la sicurezza nella sua voce, davvero notevole, e i suoi sorrisi ancora timidi, nonostante ormai abbia davanti un pubblico che la conosce e la segue. Ero curioso però di vedere come si sarebbero evolute le cose, magari con una band intera. E sta per succedere. La notizia è di qualche giorno fa: gli Any Other debutteranno con un album, Silently. Quietly. Going Away, in arrivo a settembre sulla neonata Bello Records.
Sul disco torneremo a suo tempo, intanto si può già ascoltare questa Gladly Farewell, che si apre nel modo migliore in cui si potrebbe inaugurare una nuova stagione. Diventare grandi, crescere. Un suono nettissimo. C'è dentro l'indie rock classico, ma ci sento anche parecchie affinità con alcune delle migliori cantautrici americane contemporanee, da Katie Crutchfield e i suoi Waxahatchee, a Courtney Barnett, Eskimeaux, Mitski, per fare i primi nomi che mi vengono in mente. E c'è, soprattutto, un talento giovane che vediamo maturare prova dopo prova. Gladly welcome!



Any Other - Gladly Farewell

Nessun commento: