lunedì 29 agosto 2011

"We should let Kurt Cobain rest in peace"

... What I'm suggesting is that an undercurrent to grunge retrospection is the music media's and record industry's own nostalgia for the heyday of the rock monoculture. [...] Grunge was the last blast of rock as a force at once central in popular culture yet also running counter to mainstream show biz values.
Per tutti quelli già parecchio presi dai vari revival grunge, ventennale di Nevermind e nuovi ceri al martire Cobain, consiglio la lettura di questo lungo pezzo di Simon Reynolds su Slate intitolato "The Ghost of Teen Spirit - Why we should let Kurt Cobain rest in peace".
Tra l'altro, Reynolds torna anche su un argomento che avrei preferito approfondisse di più sul suo recente Retromania, ovvero come internet abbia sempre più dissolto il nostro senso di "epoca" e storia: "The digital system has interfered with our very sense of culture-time".

Nessun commento: