sabato 8 maggio 2010

C'era una volta l'indie

At the indie disco
Non fosse per la consueta e sobria classe di Neil Hannon, questa canzoncina leggera passerebbe quasi inosservata. Invece, quella che potrebbe essere solo ironia da quattro soldi si trasforma in un affettuoso commiato da un mondo semplice e da una scena che ormai non esiste più. Non a caso, nel video Hannon (curiosamente ballerino) fa il dj tra due due grammofoni e fuma la pipa: una buona sintesi di come si può considerare l'indie oggi.
At the Indie Disco è il primo singolo che anticipa il decimo album a firma Divine Comedy, e in mezzo un lussureggiante arrangiamento di archi vanta un clamoroso name dropping che non si sentiva dai tempi di Scottish Pop degli Spearmint.

>>>(mp3): The Divine Comedy - At the Indie Disco

We go down to the indie disco every Thursday night
Dance to our favourite indie hits until the morning light
At the indie disco, the indie disco, at the indie disco yeah
We’ve got a table in the corner that is always ours
Under the poster of Morrissey with a bunch of flowers
We drink and talk about stupid stuff
Then hit the floor for Tainted Love
You know I just can’t get enough
At the indie disco, the indie disco, at the indie disco yeah
Give us some Pixies and some Roses and some Valentines
Give us some Blur, and some Cure, and some Wannadies
And now we’re moving to the beat
And staring at each other’s feet
I wonder if she fancies me
At the indie disco, the indie disco, at the indie disco yeah
And when it’s over and I’m freezing on the night bus home
I think of her and I sing the words to my favourite song
She makes my heart beat the same way
As at the start of Blue Monday
Always the last song that they play
At the indie disco, the indie disco, at the indie disco yeah yeah yeah...





1 commento:

Anonimo ha detto...

Superbamente agrodolce. Mi ha fatto tornare ventenne (o anche un po' più giovane) per qualche minuto.