mercoledì 8 luglio 2009

Get over it

Dinosaur Jr.
Ho comprato Farm, il nuovo album dei Dinosaur Jr. a scatola chiusa, senza scaricare nulla, così come avevo fatto per Beyond nel 2007, il primo con la ritrovata formazione originale della band del Massachusettes. L'ho ascoltato in cuffia, in cucina, in macchina, in macchina di notte, mentre mi facevo la barba. Ho un problema, e non è un problema di cd europei difettosi. Il fatto è che non riesco a ricordarmi le canzoni, la scaletta continua a venirmi incontro anonima, mi prende alla sprovvista e non riesco ad aggrapparmi a nulla.
Siamo d'accordo, i Dinosaur non si toccano. Mi emozionano ancora le lacerazioni della voce di J Mascis, così piena e così soffocata. Mi stringe il cuore quell'autostrada di chitarre che non finiscono mai. Over It mi ha fatto venire la pelle d'oca appena è partita, e dentro Farm ci sono ancora i momenti come See You, in cui non importa cosa dicano le parole, quelle le metti tu mentre mormori la melodia nella tua testa. Per i Dinosaur Jr. resto ad ascoltare anche ore di fragorosi assoli (vedi l'epica I Don't Wanna Go There).
Ma tutte le recensioni parlano di quanto sia bello che il trio sia ancora unito e che scriva canzoni così poderose, e quanto sia importante che, in fondo, i Dinosaur Jr. sappiano ancora fare così bene i Dinosaur Jr.
Tutto vero e giusto, ok, hanno ragione, ma io ho l'impressione che purtroppo sia un po' passata per me la stagione in cui potevo davvero innamorarmi di un loro nuovo disco, di quell'amore duraturo e irrazionale che ancora provo per loro i primi tre dischi degli Anni Novanta.

>>>(mp3): Dinosaur Jr. - Over It

4 commenti:

Many ha detto...

non è vero, sul Mucchio di giugno Bordone li ha non dico stroncati, ma più o meno compatiti.

e. ha detto...

Grazie della segnalazione, Mucchio non lo avevo visto. In effetti nel link mi riferivo alle rece di giornali e webzine UK/USA.
Non credo comunque siano da compatire. Penso sia peggio non avere più quell'entusiasmo della prima volta che senti Out There o Wagon :-)
ciao, e.

stu ha detto...

Io penso invece che è il primo disco dove viene fuori il suono di chitarra che J ha dal vivo.

colas ha detto...

Stu: beh, no, insomma!
Comunque, Enzo, se è passato per me, figuriamoci per te :D

Visto che si parla del Mucchio segnalo l'intervista, sempre di Bordone, a Mascis.
L'inizio è praticamente così:
"Il tuo disco nuovo non mi piace!"
"Beh, ti capisco, hai ragione"
"Ma come non piace neanche a te?"
"No,è tranquillo, ci sono cose belle tipo... la cinque, no la tre. Però ecco abbiamo fatto tutto velocemente e insomma..."

Puro amore. Comunque