martedì 11 marzo 2008

The drums. The drums. The drums...

In questi giorni sono sfasato, poco propenso all'aggiornamento e abbastanza occupato da impegni noiosi. Così i miei ascolti musicali procedono un po' a caso.
Per fortuna mi arrivano un sacco di segnalazioni interessanti da un po' di amici. Ne raccolgo alcune qui, per non dimenticarmele come faccio sempre.


Slow Club

Gli Slow Club sono Rebecca e Charles, da Sheffield. Lei pesta la batteria stando in piedi e lui suona la chitarra. Incrociano le loro voci su graziose melodie country folk e se ne vanno tutti felici ai concerti di Rod Stewart, oppure in tour con Tilly & The Wall e le Au Revoir Simone. Gruppo cariiino da battimani per eccellenza, biscotti e biglietti d'amore, pic-nic in collina una delle prossime domeniche pomeriggio. Hanno pubblicato due 45 giri su Moshi Moshi e stanno registrando l'album di debutto.

>>>(mp3): Slow Club - Me and You
>>>(video): Slow Club - Because We Are Dead


Electricity In Our Homes

Un ep su vinile con quattro tracce prodotte da John Linger (Neils Children) che non dura nemmeno otto minuti: questo il biglietto da visita degli Electricity In Our Homes, quartetto no-wave londinese vestito rigorosamente di grigio. Il Guardian ha scritto di loro "they are all spindly art-funk and grotesque rhythmic spasms" e i riferimenti sono proprio al post-punk più abrasivo e urticante di inizio Anni Ottanta. Attenzione, c'è da prendere la scossa.

>>>(mp3): Electricity In Our Homes - We Don't Need Honesty
>>>(video): Electricity In Our Homes - Louie Louie


The Ting Tings

The drums. The drums. The drums... L'avevo sentita per la prima volta da Fabio De Luca all'ultimo Vitaminic Party a Milano. The drums. The drums. The drums... Poi, piano piano, l'ho vista fiorire come profile song su mille myspace colorati. The drums. The drums. The drums... Noto che li hanno invitati al SXSW e che fanno impazzire anche prestigiose giornaliste dalle nostre parti. A questo punto, con quel martellante The drums. The drums. The drums... e quella chitarrina modesta da "nuova Brimful of Asha", mi arrendo pure io ai Ting Tings (non proprio dei debuttanti, a quanto pare) e al loro inno Great DJ, con o senza il buon remix di Calvin Harris.

>>>(mp3): The Ting Tings - Great DJ (IDC Rerub)
>>>(mp3): The Ting Tings - Great DJ (Calvin Harris remix)
>>>(video): The Ting Tings - Great DJ

3 commenti:

Zonda ha detto...

La mia folgorazione del momento (i The Thing Things) assieme ai MNGMT. Beccati un paio di mesi fa' su un blog americano. Volevo ordinare l'ep originale... ma e' gia' esaurito!

Gran pezzo anche "Note my name". Enzo Great DJ!

La Donna Di Prestigio ha detto...

La Donna di Prestigio ci ha contagiato l'intera redazione, anche a distanza: c'è gente che invoca the drums, the drums, the drums senza aver mai sentito il pezzo. son cose. :D

glori ha detto...

onorata per la recensione degli electricity in our homes. thanks